Torna il pranzo della domenica, rituale che al Majestic riunisce tutti intorno alla tavola. Il menù è un inno alla bolognesità più accogliente, con tortellini in doppio brodo di cappone, passatelli, pollo arrosto, tortellini, lasagne verdi, cotoletta alla bolognese, budino di patate e mandorle, torta di riso e molto altro. Particolare attenzione è dedicata alle varietà italiane di Olio Evo, scelte per accompagnare – con le loro caratteristiche uniche – le ricette dello chef Cristan Mometti. Inoltre, ogni weekend, il 5 stelle lusso propone un altro classico, apprezzato da generazioni di emiliani: il carrello del gran bollito, lessato a fuoco lento, simbolo della tradizione contadina.

L’autunno, a Bologna, è fatto di sensazioni e ricette che riscaldano l’anima. Il Grand Hotel Majestic “già Baglioni” torna a proporre il pranzo della domenica, a partire dal 31 ottobre, con un menù dedicato e il tradizionale carrello dei bolliti, che si potrà gustare ogni weekend.

Accomodandosi nel salone cinquecentesco del ristorante I Carracci, sotto una volta affrescata, ci si dedica alla scoperta dei sapori locali, assaporando le proposte autunnali dello chef Cristian Mometti, frutto di una ricerca creativa che parte dal territorio, la bassa bolognese e ferrarese e le colline tosco-emiliane.

Il pranzo della domenica – un rituale che ricrea, anche attraverso le ricette tipiche dell’Emilia, l’atmosfera delle tavolate d’antan – è una tavolozza di profumi e colori. Non mancano le specialità come il culatello di Zibello e i tortellini in doppio brodo di cappone, ma anche la torta di riso, una “madeleine proustiana” per tutti i bolognesi.

Nel nuovo menù inoltre accanto a tutti i piatti, c’è un simbolo che indica il tipo di Olio Extravergine di Oliva utilizzato nella preparazione, con dettagli sulla provenienza, l’intensità e le caratteristiche. Ad esempio, è un Olio Evo delicato, fruttato e leggero come quello ligure, a creare la migliore alchimia con i salumi selezionati e la giardiniera, i balanzoni, e – tra i dessert – il budino di patate e mandorle. Con l’Olio Evo dell’Umbria, dalle note di mela verde ed erba, si accompagnano le carni, come il pollo arrosto con salsa al Pignoletto e patate al rosmarino, la cotoletta alla bolognese, le polpette di bollito in salsa verde, e piatti come i tortellini in crema di parmigiano reggiano 24 mesi e tartufo nero, i passatelli con ragù di cortile, le lasagne verdi.
L’Olio Evo umbro è uno degli ingredienti del carrello dei bolliti, la specialità della casa. Particolarmente apprezzato in questa stagione, questa ricetta contadina è come un segreto tramandato da generazioni. La preparazione è lunga e meticolosa, nessun dettaglio è tralasciato. Si lessano a fuoco lento tanti tagli di carne differenti, per poi accompagnarli con salsa verde e rossa, mostarda cremonese, rafano e friggione preparati a regola d’arte: tutte materie prime semplici e genuine. Queste caratteristiche rendono il carrello dei bolliti il piatto più rappresentativo di una filosofia gastronomica che racconta il territorio e il suo genius loci.

Informazioni e prenotazioni: t. 051 225445 ristorazionecarracci@duetorrihotels.com