Farmacia digitale. I vantaggi del delivery farmaceutico di Pharmercure

Quando acquista un farmaco, oltre il 60% degli italiani vorrebbe potersi rivolgere sempre alla stessa farmacia. La metà degli utenti decide però di cambiarla quando non trova il medicinale che sta cercando immediatamente disponibile al banco.
I dati confermano l’enorme potenziale della digitalizzazione nella tutela del rapporto tra farmacista e paziente. Il fatturato delle vendite online delle farmacie è infatti cresciuto del 66% nel 2020 sfiorando i 400 milioni di euro.

Apertissimo resta poi il problema della fiducia degli utenti negli acquisti su Internet. La soluzione arriva da Pharmercure.com un sito che mette in rete le farmacie di zona tutelando il lavoro e la professionalità dei farmacisti. Con cinque importanti vantaggi:

1. Niente coda, traffico o problemi di parcheggio per andare in farmacia. Con Pharmercure le medicine arrivano direttamente a casa, ma anche al lavoro o dove è più comodo.
2. Il farmacista è sempre disponibile per un confronto telefonico o via email in caso di dubbi.
3. Su Pharmercure si possono ordinare farmaci con o senza ricetta proprio come nella farmacia sotto casa, certificandoli per la dichiarazione dei redditi.
4. Pharmercure non è un e-commerce ma un servizio di delivery che promuove le farmacie sul territorio
5. I rider Pharmercure sono assunti con regolare contratto e utilizzano mezzi di trasporto sostenibili.

Pharmercure
L’idea del delivery farmaceutico viene sviluppata nel 2018 da Maurizio Campia (CEO), Gianluca Abate (CTO), Thomas Pullin (CFO) e Federico Mecca, all’interno dello Startup Creation Lab dell’Università di Torino. Il modello di business mette in contatto, tramite una piattaforma evoluta, le farmacie di prossimità con i loro clienti. Una realtà che nel 2020 ha raggiunto oltre 1 Milione di Euro transati e oltre 90 farmacie collegate.

Informazioni: pharmercure.com