La foto mostra Anupama Dahanukar (sinistra) e Manali Dey.
CREDITO: Stan Lim, UC Riverside.

Ciò che mangi influenza il tuo gusto per ciò che potresti voler mangiare dopo. Così sostiene uno studio dell’Università della California, Riverside,  condotto  sui moscerini della frutta.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Neuroscience, offre una migliore comprensione della plasticità neurofisiologica del sistema del gusto nelle mosche.

Per mantenere una salute ideale, gli animali richiedono una dieta equilibrata con quantità ottimali di diversi nutrienti. I macronutrienti come carboidrati e proteine ​​sono essenziali; infatti, un apporto sbilanciato di questi nutrienti può essere dannoso per la salute. Le mosche richiedono macronutrienti come zuccheri e amminoacidi per sopravvivere. Usano il sistema gustativo, il sistema sensoriale responsabile della percezione del gusto, per percepire questi nutrienti e iniziare a nutrirsi.

Nei loro esperimenti in laboratorio, i ricercatori  Anindya Ganguly  e  Manali Dey , guidati da  Anupama Dahanukar , hanno nutrito le mosche adulte con diverse diete: una dieta equilibrata, una dieta a ridotto contenuto di zucchero e arricchita di proteine, e una dieta arricchita di zucchero e povera di proteine . Hanno assicurato che tutte e tre le diete fossero simili nel contenuto calorico totale e hanno testato le mosche ogni giorno per una settimana per esaminare le modifiche nella scelta del cibo e la sensibilità al gusto. 

I ricercatori riferiscono che la dieta influenza la segnalazione della dopamina e dell’insulina nel cervello, che a sua volta influenza la risposta sensoriale periferica delle mosche, che è composta da neuroni direttamente coinvolti nel rilevamento di stimoli esterni. Questa risposta quindi influenza ciò che le mosche mangiano dopo.

“Abbiamo scoperto che la dieta ha cambiato la preferenza di gusto delle mosche”, ha detto Dahanukar, professore associato di  biologia molecolare, cellulare e dei sistemi . “Per una dieta con un eccesso di proteine ​​a scapito dei carboidrati, la sensibilità al gusto delle mosche è cambiata in modo da creare una risposta comportamentale compensatoria a breve termine per mangiare più carboidrati e meno proteine ​​per ritrovare una dieta equilibrata”.

Ciò che questo può significare per altri animali, compreso l’uomo, è che le vie di segnalazione conservate potrebbero svolgere un ruolo nel montare simili cambiamenti nel gusto indotti dalla dieta. Gli individui con una dieta ricca di zuccheri potrebbero vedere uno smorzamento del gusto dello zucchero, rendendo gli zuccheri meno appetibili almeno per il breve termine. Allo stesso modo, una dieta a basso contenuto proteico migliorerebbe il gusto dell’umami, aumentando il valore degli alimenti ricchi di proteine ​​da consumare successivamente.

“Sembra che siano coinvolti cambiamenti nell’espressione genica”, ha affermato Ganguly, un ex studente laureato presso l’UC Riverside e ora ricercatore post-dottorato presso l’UC Santa Barbara. “Vediamo questi cambiamenti nelle mosche in base all’esposizione alimentare solo per un giorno o due”.

È interessante notare che quando le mosche che erano state alimentate con diete squilibrate sono state riportate a una dieta equilibrata, la loro sensibilità al gusto è tornata ai livelli di base, suggerendo che i cambiamenti nelle preferenze di gusto sono reversibili. 

“Il nostro lavoro mostra che gli squilibri nella dieta influenzano le tue preferenze di gusto in un modo che ti aiuta almeno a breve termine”, ha detto Dey, uno studente laureato nel laboratorio di Dahanukar. “Ti aiutano a cambiare il tuo gusto in modo che tu preferisca cibi che ti avvantaggiano, cibi che ti aiuterebbero a raggiungere di nuovo l’omeostasi metabolica.”

Dahanukar ha avvertito, tuttavia, che gli effetti a lungo termine sul consumo potrebbero essere più complessi. Ad esempio, la ricerca di altri scienziati ha dimostrato che mentre le mosche allevate con una dieta ricca di zuccheri hanno visto diminuire la loro risposta allo zucchero a breve termine, le mosche mantenute con quella dieta hanno consumato più cibo a lungo termine.

Dahanukar, Ganguly e Dey sono stati raggiunti nello studio da Christi Scott e Vi-Khoi Duong. Scott è un ex studente laureato e ricercatore post-dottorato presso l’UCR. Ha aiutato ad analizzare i dati del trascrittoma. Duong è un ex studente universitario che ha svolto la sua tesi con lode nel laboratorio di Dahanukar. Ora è alla scuola di odontoiatria.

Il  documento di ricerca  è intitolato “Gli squilibri dietetici dei macronutrienti portano a cambiamenti compensatori nel gusto periferico attraverso percorsi di segnalazione indipendenti”.

L’Università della California, Riverside è un’università di ricerca di dottorato, un laboratorio vivente per l’esplorazione innovativa di questioni critiche per l’entroterra della California meridionale, lo stato e le comunità di tutto il mondo. Riflettendo la diversa cultura della California, l’iscrizione all’UCR è di oltre 26.000 studenti. Il campus ha aperto una scuola di medicina nel 2013 e ha raggiunto il cuore della Coachella Valley attraverso l’UCR Palm Desert Center. Il campus ha un impatto annuale di oltre 2,7 miliardi di dollari sull’economia degli Stati Uniti. Per saperne di più, visita http://www.ucr.edu.