Il cervello dei cani può rilevare il linguaggio e mostrare diversi modelli di attività rispetto a una lingua familiare e non familiare, secondo un nuovo studio di imaging cerebrale condotto da ricercatori del Dipartimento di Etologia dell’Università Eötvös Loránd (Ungheria).

Il cervello dei cani è in grado di rilevare il linguaggio e mostrare diversi modelli di attività rispetto a una lingua familiare e non familiare, secondo un nuovo studio di imaging cerebrale condotto da ricercatori del Dipartimento di Etologia dell’Università Eötvös Loránd (Ungheria). Questa è la prima dimostrazione che un cervello non umano può differenziare due lingue. Questo lavoro è stato pubblicato su NeuroImage .

“Alcuni anni fa mi sono trasferito dal Messico in Ungheria per unirmi al Laboratorio di Neuroetologia della Comunicazione presso il Dipartimento di Etologia, Università Eötvös Loránd per la mia ricerca post-dottorato. Il mio cane, Kun-kun, è venuto con me. Prima, avevo solo parlato con lui in spagnolo. Quindi mi chiedevo se Kun-kun avesse notato che le persone a Budapest parlavano una lingua diversa, l’ungherese”. – afferma Laura V. Cuaya , prima autrice dello studio. “Sappiamo che le persone, anche i neonati umani preverbali, notano la differenza. Ma forse i cani non si preoccupano. Dopotutto,

non attiriamo mai l’attenzione dei nostri cani su come suona una lingua specifica. Abbiamo progettato uno studio di imaging cerebrale per scoprirlo.

Kun-kun e altri 17 cani sono stati addestrati a rimanere immobili in uno scanner cerebrale, dove abbiamo fatto ascoltare loro brani del discorso de Il Piccolo Principe in spagnolo e ungherese. Tutti i cani avevano sentito solo una delle due lingue dai loro proprietari, quindi in questo modo abbiamo potuto confrontare una lingua molto familiare con una completamente sconosciuta. Abbiamo anche giocato a versioni strapazzate di questi brani con i cani, che suonano completamente innaturali, per verificare se rilevano la differenza tra discorso e non discorso.

Cane che legge il Piccolo Principe
Foto: Raul Hernandez

Confrontando le risposte del cervello alla parola e alla non parola, i ricercatori hanno trovato modelli di attività distinti nella corteccia uditiva primaria dei cani. Questa distinzione era presente indipendentemente dal fatto che gli stimoli provenissero dalla lingua familiare o non familiare. Non c’era, tuttavia, alcuna prova che il cervello di cane avesse una preferenza neurale per il linguaggio rispetto al non linguaggio.

“I cervelli dei cani, come i cervelli umani, possono distinguere tra parola e non parola.

Ma il meccanismo alla base di questa capacità di rilevamento del linguaggio potrebbe essere diverso dalla sensibilità al linguaggio negli esseri umani: mentre il cervello umano è particolarmente sintonizzato sul linguaggio, il cervello dei cani può semplicemente rilevare la naturalezza del suono” – spiega Raúl Hernández – Pérez , coautore dello studio.

Oltre al rilevamento vocale, il cervello dei cani potrebbe anche distinguere tra spagnolo e ungherese.

Questi modelli di attività specifici del linguaggio sono stati trovati in un’altra regione del cervello, la corteccia uditiva secondaria. È interessante notare che più il cane era anziano, meglio il suo cervello distingueva tra la lingua familiare e quella sconosciuta. “Ogni lingua è caratterizzata da una varietà di regolarità uditive. I nostri risultati suggeriscono che durante la loro vita con gli umani, i cani raccolgono le regolarità uditive del linguaggio a cui sono esposti” – afferma Hernández – Pérez .

“Questo studio ha mostrato per la prima volta che un cervello non umano può distinguere tra due lingue.

È emozionante, perché rivela che la capacità di apprendere le regolarità di una lingua non è unicamente umana. Tuttavia, non sappiamo se questa capacità sia la specialità dei cani o generale tra le specie non umane. In effetti, è possibile che i cambiamenti del cervello rispetto alle decine di migliaia di anni in cui i cani hanno vissuto con gli umani li abbiano resi migliori ascoltatori del linguaggio, ma non è necessariamente così. Studi futuri dovranno scoprirlo” — conclude Attila Andics , autore senior dello studio.

“E se ti chiedi come sta Kun-kun dopo essersi trasferito a Budapest: parte felice come ha vissuto a Città del Messico – ha visto la neve per la prima volta e adora nuotare nel Danubio. Ci auguriamo che lui e i suoi amici continueranno ad aiutarci a scoprire l’evoluzione della percezione del linguaggio” — afferma Cuaya .

—-

Questo studio è stato pubblicato su NeuroImage dal titolo “Rilevamento della naturalezza del linguaggio e rappresentazione del linguaggio nel cervello del cane”. scritto da Laura V. Cuaya, Raúl Hernández-Pérez, Marianna Boros, Andrea Deme e Attila Andics. Questa ricerca è stata finanziata dall’Accademia delle scienze ungherese (programma Lendület, borsa di studio per la ricerca Bolyai János), il Consiglio nazionale messicano della scienza e della tecnologia (CONACYT), il Consiglio europeo della ricerca (ERC), il Ministero per l’innovazione e la tecnologia dell’Ungheria (ÚNKP ), la rete di ricerca Eötvös Loránd e l’Università Eötvös Loránd. 

Related Posts
Photo by route66 on Deposit Photos
Palazzo Reale di Milano celebra Richard Avedon con la mostra dal titolo Richard Avedon: Relationships in scena dal 22 settembre 2022 al 29 gennaio 2023 Centosei immagini, che raccontano oltre sessant’anni ...
READ MORE
La moda non passa mai di moda
Moda e pubblicità in Italia 1850-1950. La nascita della moda italiana raccontata attraverso 150 affascinanti opere da fine Ottocento a metà Novecento A Fondazione Magnani-Rocca Mamiano di Traversetolo - Parma 10 ...
READ MORE
“Volti della metropoli”, un premio in “rosa” alla città del futuro e del bene
Il riconoscimento, voluto dall’Associazione Regionale dei Pugliesi insieme alla presidenza del Consiglio Comunale di Milano, sarà consegnato venerdì 24 giugno a Palazzo Marino a Marilisa d’Amico, Giuseppe Guzzetti, Gianna Martinengo, ...
READ MORE
Lo sapevi che Losanna è stata eletta ‘Destinazione Culturale Emergente’ 2021/2022?
L’importante riconoscimento, considerato ‘Oscar della cultura’, assegnato dai LCD Berlino Losanna ha ricevuto il premio di ‘Destinazione Culturale Emergente’ ai Leading Culture Destinations (LCD) Berlin Awards 2021/2022. Nominata insieme a Nantes ...
READ MORE
Arco di Traiano monumento nazionale: dalla Sicilia arriva lo scatto del maestro Leone
L’arco celebrativo al centro di un iter legislativo che ne riconosca il valore nazionale ospitato nella pubblicazione: “Viaggio in Campania”  del fotografo di Ragusa Giuseppe Leone. Benevento, 29 aprile 2022 -  ...
READ MORE
“Gioco e tormento”
Il vero amore che non può essere “ucciso dalla vita”La scelta di scrivere, dunque, diventa catartica e necessaria per far conoscere il suo amato artista, parlare di lui, e per ...
READ MORE
In uscita venerdì 8 luglio “Il viaggio della Dandola” il nuovo libro di Stefano Caroldi, il quarto episodio della saga dei Davanzo
Un nuovo capitolo a tinte gialle, ammantato di sensualità e ricco di colpi di scena Venerdì 8 luglio 2022 uscirà Il viaggio della Dandola, il nuovo giallo di Stefano Caroldi edito da Pendragon, quarto capitolo ...
READ MORE
Business Elite Awards: un italiano nella prestigiosa Top 40 Under 40
New York, 26 luglio 2022 - Un Italiano è stato premiato nella prestigiosa Top 40 Under 40, classifica che riconosce i migliori giovani Executive ed Imprenditori, con particolare impegno nel cambiamento e ...
READ MORE
La Venere dei guardoni
Nella Venere dei guardoni di Momò Calascibetta la statua di Thorvaldsen ha voltato le spalle agli stracci, in cui non rovista più come un barbone, e non nasconde le sue ...
READ MORE
Ad Anguillara pagine musicali di spessore con la riuscita rassegna “La Musica è Favola”
Soddisfazione del direttore artistico Amarilli Nizza: “la grande partecipazione è il segno che il terreno culturale è fertile”Due donne, Medea Mei Figner e Claudia Biadi, al centro della maratona musicale ...
READ MORE
Esclusivo: Mostra Richard Avedon a Milano Palazzo Reale
La moda non passa mai di moda
“Volti della metropoli”, un premio in “rosa” alla
Lo sapevi che Losanna è stata eletta ‘Destinazione
Arco di Traiano monumento nazionale: dalla Sicilia arriva
“Gioco e tormento”
In uscita venerdì 8 luglio “Il viaggio della
Business Elite Awards: un italiano nella prestigiosa Top
La Venere dei guardoni
Ad Anguillara pagine musicali di spessore con la