Gli stimoli orali durante la masticazione del cibo possono aiutare ad aumentare il dispendio energetico del corpo e prevenire l’obesità, secondo un nuovo studio

Che masticare bene il cibo renda una sana abitudine alimentare è un’antica saggezza. Un’alimentazione lenta e una masticazione accurata aiutano a prevenire l’obesità e l’aumento di peso, una visione resa popolare un secolo fa e testata in seguito in sporadici studi scientifici. In genere, secondo quanto riferito, il processo di masticazione migliora il dispendio energetico associato al metabolismo del cibo e aumenta la motilità intestinale, il tutto sommando a una maggiore generazione di calore nel corpo dopo l’assunzione di cibo, nota come termogenesi indotta dalla dieta (DIT). Tuttavia, non è chiaro in che modo la masticazione prolungata induca DIT nel corpo. Di recente, la dott.ssa Yuka Hamada e la professoressa Naoyuki Hayashi dell’Università di Waseda, in Giappone, hanno pubblicato uno studio che fornisce un nesso causale tra masticazione e DIT. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports .

Un nuovo studio mette in evidenza il ruolo dell’effetto positivo degli stimoli orali, che è la durata dell’assaggio del cibo in bocca e la durata della masticazione, sul dispendio energetico associato al metabolismo degli alimenti, che potrebbe aiutare con una migliore gestione del peso CREDITO Università Waseda

DIT, noto anche come effetto termico del consumo di cibo, aumenta il dispendio energetico al di sopra del livello di digiuno basale, un fattore noto per prevenire l’aumento di peso. In precedenza, il team ha scoperto che un’alimentazione lenta e una masticazione approfondita non solo aumentavano la DIT, ma miglioravano anche la circolazione sanguigna nella regione splancnica dell’addome. Sebbene questi studi abbiano collegato la DIT indotta dalla masticazione con una maggiore digestione e attività correlata all’assorbimento nell’addome, hanno lasciato margini per esplorare ulteriormente alcuni punti cruciali. Hayashi spiega: “Non eravamo sicuri se la dimensione del bolo alimentare che è entrato nel tratto digestivo contribuisse all’aumento della DIT osservato dopo un’alimentazione lenta. Inoltre, gli stimoli orali generati durante la masticazione prolungata del cibo hanno un ruolo nell’aumento della DIT? Per definire la masticazione lenta come una strategia di gestione del peso efficace e scientifica, dovevamo approfondire questi aspetti ”.

Per trovare le risposte, i ricercatori hanno progettato il loro nuovo studio per escludere l’effetto del bolo alimentare coinvolgendo il cibo liquido. L’intero studio comprendeva tre prove condotte in giorni diversi. Nella prova di controllo, hanno chiesto ai volontari di deglutire 20 ml di cibo liquido di prova normalmente ogni 30 secondi. Nella seconda prova, i volontari hanno tenuto in bocca lo stesso alimento di prova per 30 secondi senza masticare, consentendo così un assaggio prolungato prima della deglutizione. Infine, nella terza prova hanno studiato l’effetto sia della masticazione che dell’assaggio; i volontari hanno masticato il cibo di prova da 20 ml per 30 secondi ad una frequenza di una volta al secondo e poi lo hanno ingoiato. Le variabili come fame e pienezza, variabili di scambio di gas, DIT e circolazione splancnica sono state debitamente misurate prima e dopo il consumo di bevanda di prova.

I risultati di questo studio ben progettato si sono rivelati piuttosto perspicaci. Non c’era differenza nei punteggi di fame e pienezza tra le prove. Tuttavia, come descrive Hayashi, ” Abbiamo riscontrato un aumento della DIT o della produzione di energia dopo aver consumato un pasto e aumentava con la durata di ogni stimolazione del gusto e la durata della masticazione. Ciò significa, indipendentemente dall’influenza del bolo alimentare, stimoli orali, corrispondenti alla durata dell’assaggio del cibo in bocca e alla durata della masticazione, maggiore DIT.” Anche lo scambio di gas e l’ossidazione delle proteine ​​aumentavano con la durata della stimolazione del gusto e della masticazione, così come il flusso sanguigno nell’arteria celiaca splancnica. Poiché questa arteria fornisce sangue agli organi digestivi, anche la motilità del tratto gastrointestinale superiore è aumentata rispondendo agli stimoli orali durante la masticazione. 

Lo studio ha evidenziato che masticare bene, aumentando il dispendio energetico, può infatti aiutare a prevenire l’obesità e la sindrome metabolica. Hayashi conclude: ” Sebbene la differenza nel dispendio energetico per pasto sia piccola, l’effetto cumulativo raccolto durante più pasti, assunti ogni giorno e 365 giorni all’anno, è sostanziale”.

Sostenuto da una solida scienza, un’alimentazione lenta e una masticazione approfondita potrebbero essere le ultime raccomandazioni per l’integrazione nei nostri sforzi di gestione del peso.