L’America Latina brulica di innovazione e di talenti di primo piano nei settori della tecnologia sanitaria e delle biotecnologie. 

Imprenditori e investitori stanno cogliendo le innumerevoli opportunità che la regione ha da offrire.

Con il COVID-19, la domanda per le loro soluzioni ha messo questi settori in prima linea nella pandemia, creando un’evidente interruzione nelle loro tabelle di marcia. Oltre ad accelerare i processi normativi in ​​questi settori, la pandemia ha aperto l’opportunità di innovare e fornire prodotti e servizi migliori ai mercati meno serviti.

Alcune di queste soluzioni sono guidate da incredibili imprenditori che stanno sfidando lo status quo, rompendo gli stigmi e riorientando il focus della cura e del trattamento nei pazienti attraverso le loro soluzioni di tecnologia sanitaria e biotecnologica. Questi imprenditori sono Andrea Campos di Yana, Flavia Deutsch di Theia e Pia Garat di EOLO Pharma. 

Rompere lo stigma della salute mentale

Andrea Campos è un imprenditore messicano e fondatore e CEO di Yana , un’app che accompagna le persone di lingua spagnola nel percorso del benessere emotivo attraverso strategie basate sulla Terapia Cognitivo Comportamentale (CBT). 

Yana app

Avendo lottato con la depressione sin da quando era una bambina, Andrea sa quanto può essere solitario affrontare da soli gli attacchi di depressione. Mentre stava cercando di capire cosa voleva fare dopo aver abbandonato il college, ha deciso di imparare a programmare. 

Dopo circa un anno e mezzo di programmazione, ha avuto un grave episodio depressivo. Durante quel periodo, ha fatto una rapida ricerca sull’App Store e si è resa conto che non c’erano app mobili in spagnolo per aiutare le persone a far fronte alle malattie mentali. 

Quello che era iniziato come un progetto personale per fornirle gli strumenti per far fronte al suo prossimo episodio depressivo, si è trasformato in qualcosa di cui potrebbero beneficiare molte più persone che affrontano gli stessi problemi. Ed è così che è nata Yana.

Yana, acronimo di You Are Not Alone, accompagna i suoi utenti attraverso una chat in cui possono avere conversazioni guidate da tecniche CBT. 

“Questo tipo di terapia sostiene che non è una situazione particolare che ci colpisce, ma il modo in cui la percepiamo. Quindi, l’idea è che se lavori sui tuoi pensieri e sulla tua percezione puoi cambiare il modo in cui ti senti”, ha spiegato Andrea.

Queste conversazioni aiutano gli utenti a identificare i loro pensieri e le loro emozioni, nonché le situazioni che potrebbero innescarli. L’app offre agli utenti uno spazio per le affermazioni quotidiane, un diario della gratitudine, consigli sulla routine di benessere e altre attività quotidiane, come tenere traccia delle proprie emozioni attraverso i registri dell’umore.

Alla domanda su cosa rende Yana diversa, Andrea risponde: la sua autenticità. Durante la pandemia, c’è stata un’improvvisa richiesta di soluzioni per aiutare le persone a far fronte alle malattie mentali. Le soluzioni sono apparse ovunque, da siti Web e chatbot a forme di intervento più tradizionali come le telefonate. In molti casi, queste soluzioni hanno preso vita in risposta alla pandemia. 

“Penso che la nostra autenticità derivi dal motivo per cui abbiamo fondato Yana. Non lo stiamo facendo per guadagni monetari o per convenienza. Stiamo facendo questo per aiutare quelle persone che non hanno un posto dove andare per il supporto emotivo”, ha spiegato Andrea.

Un comitato clinico è coinvolto nella revisione e nell’approvazione di tutto il contenuto programmato sull’app, ma gli utenti possono avere conversazioni informali sulla chat di Yana come se stessero parlando con un amico. Questo approccio umano che crea uno spazio sicuro in cui le persone possono aprirsi emotivamente riflette il team dietro l’app. Le conversazioni di Yana sono progettate da persone che hanno lottato loro stesse con malattie mentali.  

“Stiamo creando queste conversazioni con ciò che ci sarebbe piaciuto ascoltare durante i nostri momenti negativi. Sono creati per gli esseri umani dagli umani”, ha detto Andrea.

L’app ufficiale di Yana è stata lanciata nel 2020, in coincidenza con l’inizio del blocco in Messico. Con una lista d’attesa di 1000 persone all’inizio, Yana è cresciuta a un ritmo costante e moderato nei primi mesi. Quindi, una funzione sull’App Store per la Giornata mondiale della salute mentale di ottobre ha fatto salire alle stelle i download di Yana.

“Siamo passati da 80.000 utenti a un milione in appena un paio di settimane. Non eravamo pronti per quella crescita. Nemmeno dal punto di vista tecnologico. I nostri server si sono bloccati e non abbiamo avuto altra scelta che adattarci rapidamente alla situazione”, ha ricordato Andrea. 

Definire il pubblico di destinazione di Yana non è stato così semplice come avevano inizialmente pensato Andrea e il suo team. 

“Ci siamo posti l’idea che l’ansia e la depressione non discriminano. Può succedere a chiunque in qualsiasi fase della vita, quindi Yana dovrebbe essere per tutti. È stato un errore”, ha spiegato Andrea.

C’erano due destinatari chiaramente definiti: quelli che potevano pagare e quelli che non potevano. 

Dovevano decidere a chi dare la priorità. La divisione tra questi due gruppi era anche legata all’età. Circa il 60% degli utenti di Yana sono adolescenti di età compresa tra 13 e 17 anni che non hanno potere d’acquisto. Concentrarsi esclusivamente sugli adulti che possono pagare significherebbe progettare un prodotto che non parli più agli adolescenti.

Andrea spiega che stanno assistendo a un forte scontro generazionale tra i ragazzi che scaricano l’app ei loro genitori. Da un lato, c’è una nuova generazione che è molto aperta a parlare del proprio benessere emotivo e vuole lavorarci sopra. Ma allo stesso tempo, quando cercano di chiedere aiuto, hanno una generazione sopra di loro che dice che non ne hanno bisogno.

Questa mentalità è più dominante negli adulti messicani che hanno più di 35 anni. Anche se questo non rappresenta la maggior parte degli utenti di Yana, colpisce direttamente Yana quando riguarda i loro figli.

“Quindi, abbiamo deciso di puntare sugli adolescenti, nonostante il problema che avrebbe creato in termini di monetizzazione. Ma ciò che davvero non vogliamo è che la monetizzazione determini il nostro prodotto. Vogliamo basare le nostre decisioni su chi sono i nostri utenti reali, chi ha più bisogno della nostra soluzione e dove avremo il maggiore impatto. La monetizzazione viene dopo, ma non il contrario”, ha affermato Andrea.

Attualmente, Yana ha un modello di abbonamento freemium e, in linea con i suoi valori, ha progressivamente spinto il paywall più in basso nel percorso dell’utente per aiutare coloro che non possono pagare a continuare a godere di ciò che Yana ha da offrire. 

La monetizzazione è anche una sfida a causa dello stigma associato alla salute mentale. Di solito è relegato a un livello secondario e visto solo come complementare alla salute fisica, quindi non vale la pena pagare. Andrea ha scoperto che anche la maggior parte degli investitori la vedeva in questo modo. Molti loderebbero quello che stava facendo Andrea, ma non erano disposti a investire.

“Lo vedevano come ‘o fai del bene o fai pagare le persone’, come se questi due concetti non potessero coesistere. Quindi, all’inizio è stato molto complicato raccogliere capitali”, ha detto Andrea.

A causa della mancanza di regolamentazione in America Latina nel settore sanitario in termini di innovazione, molte di queste tipologie di soluzioni si trovano spesso in una zona d’ombra.

“In Messico, solo il 2% circa del budget per la salute è destinato alla salute mentale. E di quel 2%, il 90% sono risorse destinate agli ospedali psichiatrici. Quindi, non ci sono davvero risorse per la ricerca, la tecnologia e l’innovazione. Viene trascurato”, ha detto Andrea.

Ci sono ancora molti cambiamenti culturali e strutturali che devono avvenire per ridurre lo stigma della salute mentale nelle generazioni più anziane, ma Andrea crede che la popolazione più giovane sarà la generazione del cambiamento. 

La sua visione per il futuro è che Yana diventerà sempre più personalizzata per ogni fase della vita. Ci sono così tante variabili da tenere in considerazione che possono rendere l’esperienza unica per ogni persona. Ad esempio, mentre ha senso parlare con un adolescente del cyberbullismo, potrebbe avere più senso parlare con una persona sulla sessantina della sindrome del nido vuoto. Anche la frequenza delle notifiche e la lunghezza del testo con cui l’utente interagisce possono variare.

“Vogliamo che Yana si evolva con te nel tempo. Man mano che invecchi, gli argomenti di conversazione cambiano, così come il modo in cui l’app ti accompagna in tutte le fasi della vita. Vogliamo che Yana si senta davvero viva”, ha detto Andrea.

Mettere le donne al centro delle cure

Flavia Deutsch è un’imprenditrice brasiliana, co-fondatrice e CEO di Theia , un’azienda di tecnologia sanitaria online-to-offline (O2O) creata da e per le madri. 

Teia

Flavia è nata e cresciuta in una casa di medici. Suo nonno, i suoi genitori e sua sorella hanno scelto un percorso di carriera medica. Sebbene fosse quella strana in quel senso, era sempre stata toccata dal modo in cui cambiavano la vita delle persone.

“I miei genitori si svegliavano alle cinque del mattino con uno scintillio negli occhi, spinti da quello che avrebbero fatto quel giorno. Sono cresciuta vedendo quella connessione e l’impatto che avevano sui loro pazienti”, ha ricordato Flavia.

Tuttavia, sapeva che non voleva essere lei stessa un medico. Invece, Flavia ha preso una strada completamente diversa e ha frequentato una scuola di economia, ha lavorato in finanza e alla fine ha conseguito un MBA a Stanford.

Aveva iniziato a giocare con l’idea di passare a una startup nel 2010, quando la scena della startup non era così “calda” come lo è oggi. Dopo aver completato il suo MBA, è tornata in Brasile ed è entrata a far parte di Acesso, un’azienda fintech dove ha guidato il marketing e le vendite di prodotti per sei anni fino alla nascita del suo secondo figlio.

Flavia ha colto questo momento come un’occasione per avviare un’attività in proprio, per creare una soluzione a cui si sentiva personalmente connessa. 

Ha contattato la sua compagna di classe di Stanford, Paula Crespi, per proporre di creare una soluzione da e per le donne. 

Con così tante opportunità per riparare i settori in cui la tecnologia non era ben impiegata, un’opzione ovvia sarebbe stata quella di entrare nel fintech, vista l’esperienza di Flavia e Paula nel settore. Tuttavia, si sono invece innamorati della tecnologia sanitaria.

“La sanità non è un mercato facile, richiede più tempo del solito rispetto ad altre attività tecnologiche. Ma se trovi la soluzione, stai davvero cambiando la vita delle persone. E penso che sia una grande motivazione”, ha detto Flavia.

Dopo aver attraversato due gravidanze in Brasile, Flavia conosceva molto bene il sistema e i suoi incentivi rotti. Insieme a Paula, hanno creato Theia per mettere le donne al centro delle cure.

“Del 70% delle donne che iniziano la gravidanza desiderando un parto vaginale nel sistema sanitario privato, l’85% finirà per avere un taglio cesareo. Sei visto solo come una pancia che porta un bambino”, ha spiegato Flavia.

Theia mira a fornire un’esperienza più olistica per le donne, dal momento in cui scoprono di essere incinta, fino al parto e dopo il parto. La piattaforma aiuta le donne a navigare durante la gravidanza e la genitorialità fornendo contenuti curati, accesso a professionisti sanitari controllati attraverso consultazioni a distanza e di persona, nonché accesso alle connessioni della comunità per creare una moderna rete di supporto.

La piattaforma è nata come una soluzione virtuale al 100%. Tuttavia, Flavia e Paula si sono orientate verso un modello da online a offline quando hanno visto i limiti di una soluzione puramente digitale. Avere un team integrato ed essere in grado di coordinare l’assistenza offline era l’unico modo per offrire davvero un’esperienza migliore e accompagnare le madri lungo il loro viaggio.

“Puoi fornirle tutte le informazioni di cui ha bisogno per essere meglio preparata al travaglio, ma se non ci sei, è ancora nelle mani di un professionista che potrebbe non essere in linea con i suoi migliori interessi”, ha commentato Flavia.

Quando Theia è stata lanciata due anni fa, la telemedicina non era ancora stata testata o regolamentata. La pandemia ha svolto un ruolo chiave nell’accelerare la digitalizzazione dell’assistenza sanitaria in Brasile, aumentando la portata e l’accessibilità e riducendo i costi. Ha inoltre accelerato l’accettazione della telemedicina sia nei professionisti che nei pazienti.

“Parlerei con i medici e loro direbbero ‘Non farò mai telemedicina. Nella mia specialità è impossibile’. E poi arriva marzo 2020 e iniziano ad adottare tutti i mezzi possibili per fornire assistenza virtuale”, ha affermato Flavia.

In Brasile la maggior parte della popolazione si affida al sistema sanitario pubblico Sistema Unico de Saude (SUS). Tuttavia, un quarto della popolazione paga per l’assicurazione sanitaria privata. Poiché Theia è un servizio fuori rete, i loro clienti rientrano in un ampio spettro di donne che hanno un’assicurazione e ottengono il rimborso di tutte le spese e donne che non hanno assistenza sanitaria privata ma desiderano ricevere cure migliori e pagare di tasca propria.

“Vediamo che le aziende sono quelle che pagano l’assistenza sanitaria in Brasile, assumendo assicurazioni tramite assicuratori o il governo. Il grande mercato c’è. Le persone che pagano esclusivamente di tasca propria sono un mercato molto piccolo”, ha affermato Flavia. 

Sebbene siano attualmente concentrati sul perfezionamento del prodotto come soluzione B2C, sanno che la scalabilità nell’assistenza sanitaria in Brasile passa attraverso la via B2B. 

Creare la prossima generazione di farmaci

Pia Garat è un’imprenditrice uruguaiana, co-fondatrice e CEO di EOLO Pharma , una biotecnologia che sviluppa terapie dirompenti per il trattamento e la prevenzione delle principali cause di morte nel mondo, come il diabete di tipo 2.

EOLO Pharma

Pia ha studiato ingegneria delle biotecnologie in Uruguay, quando i professionisti delle biotecnologie erano ancora una novità. Ancora più non convenzionale, è stato il fulcro della sua carriera, che ha combinato la biotecnologia con il business.

“Guardavi i miei corsi e avevamo biobusiness, economia, imprenditorialità… per altri scienziati era molto raro vederlo”, ha detto Pia.

È stato durante uno stage presso l’Institut Pasteur de Montevideo che Pia ha avuto la sua prima esperienza di startup e ha colto il proverbiale bug imprenditoriale. Ha fatto parte di un gruppo di ricerca che stava esaminando gli effetti benefici dei prodotti naturali.

Dopo quella prima esperienza, ha co-fondato EOLO Pharma, una startup biotecnologica che si concentra sullo sviluppo di farmaci che prendono di mira le basi molecolari e cellulari delle malattie legate all’infiammazione. Eolo, il dio del vento, era un nome appropriato per una startup biotecnologica uruguaiana in onore dell’impegno del paese per l’innovazione che è stato un pioniere nell’energia eolica in America Latina.

Con EOLO Pia ha deciso di candidarsi alla CITES, iniziativa di Sancor Insurance Group che sostiene l’innovazione. Lì, ha trovato modelli di ruolo che avevano raggiunto con successo la dualità con cui aveva lavorato per combinare scienza e affari.

“Fino a quel momento era quasi una brutta parola mescolare le due cose. L’ho adorato perché mi sono messo in contatto con persone straordinarie a livello scientifico e aziendale. È stata una combinazione fantastica”, ha detto Pia.

La presentazione delle molecole che stavano sviluppando a EOLO è stato un momento decisivo per Pia.

“Penso che forse se a quel tempo non avessimo quell’intrigo, quella curiosità di essere imprenditori, quelle molecole potrebbero essere ancora in un cassetto del laboratorio”, ha riflettuto Pia.

Hanno trascorso tre anni alla CITES imparando come costruire un business nel campo delle biotecnologie, sviluppando ottimi rapporti con altri imprenditori, mentori e investitori.

Secondo Pia, essere un imprenditore biotecnologico non richiede sempre un’idea per iniziare. 

“Per chi vuole avviare un’impresa: sii curioso. Unisciti ai team di ricerca, chiedi a cosa stanno lavorando, se ci sono aree che vogliono continuare a sviluppare. E, naturalmente, è importante esercitare la capacità di affrontare continuamente la frustrazione, perché non è una strada facile”, ha affermato Pia.

Alla CITES, Pia e il suo team sono stati inondati di nuove informazioni e hanno scoperto che più imparavano, più si rendevano conto di quanto poco sapessero. Una cosa che sapevano era che volevano approfondire lo sviluppo delle molecole in un laboratorio.

EOLO attualmente sviluppa circa 60 tipi di molecole per diversi problemi di salute. Tuttavia, il loro obiettivo principale è l’obesità e il diabete di tipo 2.

“Prima della pandemia, una delle principali cause di morte nel 21° secolo era l’obesità e le malattie associate”, ha commentato Pia.

C’è un’enorme opportunità per cambiare la vita con queste molecole. Secondo l’OMS, circa 650 milioni di persone sono obese e non esiste una soluzione per loro. Sono spesso sottoposti a diete e routine di esercizi che non sono sostenibili senza farmaci.

“Circa il 95% delle persone con obesità rimarrà obesa per tutta la vita e potrebbe morire a causa di una malattia cardiovascolare associata a tale obesità”, ha affermato Pia.

Il problema risiede anche nella scarsa aderenza ai trattamenti farmacologici esistenti perché la maggior parte delle soluzioni ha effetti collaterali negativi come la depressione. EOLO vuole ribaltare la situazione sviluppando un farmaco che non abbia effetti collaterali così gravi. Ispirati dalla loro prima esperienza di avvio, stanno migliorando chimicamente i prodotti naturali per creare una nuova generazione di farmaci per il trattamento dell’obesità.

EOLO adotta un modello B2B, vendendo i propri sviluppi di farmaci alle aziende farmaceutiche. Ci sono tre fasi di sviluppo nell’industria farmaceutica: la prima è la fase di ricerca di laboratorio, la seconda è la fase di sperimentazione animale e la terza è la fase di sperimentazione umana. Quest’ultima fase può essere piuttosto lunga e complessa.

“Inizieremo i test sugli esseri umani l’anno prossimo e in seguito vogliamo vendere a un’azienda farmaceutica affinché continui con le fasi successive dei test sugli esseri umani”, ha spiegato Pia.

Queste prove sono molto costose e di solito richiedono un investimento pesante prima di vendere a un cliente. Poiché la biotecnologia è un’industria ad alta intensità di capitale, può essere difficile raccogliere grandi round in America Latina. 

“Posso immaginare di raccogliere 25 milioni di dollari in un round di investimento in America Latina. Mentre negli Stati Uniti, per la stessa fase di sviluppo in cui sono oggi, sarei in grado di raccogliere $ 60 milioni a $ 100 milioni in una Serie A. La differenza è abissale”, ha commentato Pia.

La realtà è che gli investitori guardano ancora all’America Latina con diffidenza. Per questi motivi, lo sviluppo è più lento in America Latina e avere una rete forte è fondamentale per convalidare la tua startup.

“Detto questo, ci sono anche vantaggi importanti. La nostra regione ha un talento straordinario. Non abbiamo nulla da invidiare agli altri paesi in termini di talento. Questo aiuta molto quando si tratta di fare nuove scoperte”, ha affermato Pia.

Ci sono due cose che motivano di più Pia in EOLO. Il primo è arrivare alla fase di sperimentazione umana nel loro sviluppo.

“È un sogno che inseguiamo da quando abbiamo fondato l’azienda. È qualcosa che vedi in classe da studente e ti sembra molto distante. E, naturalmente, impari così tanto da raggiungere quel livello”, ha detto Pia.

Oltre a sviluppare farmaci per curare l’obesità e il diabete di tipo 2, Pia è molto orgogliosa di un farmaco che ha sviluppato per la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), nota anche come malattia di Lou Gehrig. Questa malattia non ha un trattamento efficace e le persone di solito hanno un’aspettativa di vita di due anni una volta diagnosticata.

“Stiamo sviluppando un farmaco per quella malattia che si è già comportato bene sugli animali e compete bene con i potenziali concorrenti che sono stati immessi sul mercato. Mi affascina pensare che possiamo rilasciare un farmaco che possa aiutare quel gruppo di persone. Puoi cambiare non solo la vita di una persona, ma anche quella di una famiglia”, ha detto Pia.

Mentre l’ecosistema biotecnologico continua a crescere, Pia nota che i ricercatori uruguaiani che avevano lasciato il paese stanno tornando a lavorare su progetti locali, incuriositi dagli sviluppi nella regione. Pia celebra questo fenomeno perché più si fa rumore sugli sviluppi delle biotecnologie, più gli investitori saranno attratti nella regione.

“La quantità di aziende sudamericane che partecipano alle fiere internazionali virtuali a cui vado è impressionante. Sei anni fa, quando avrei partecipato, non c’era altra rappresentanza. Ma ora è diverso”, ha ricordato Pia.

Related Posts
Salute e benessere della donna dai 50 anni
7 alleati indispensabili per prepararsi all'estateEstate è sinonimo di vacanze e relax ma anche di caldo e afa che spesso aumentano il senso di affaticamento e debolezza, provocando capogiri e ...
READ MORE
Gli enigmi gentili
A distanza di un paio di anni, torna sulla scena artistica romana, presso la Arte Borgo Gallery, la giovane artista cinese Cheng Huili: accompagnata anche in questa occasione dal maestro ...
READ MORE
CELINE ha aperto un nuovo pop-up store a Le Bon Marché
CELINE apre un nuovo pop-up store presso Le Bon Marché a ParigiCELINE  ha aperto un nuovo pop-up store presso il grande magazzino  Le Bon Marché  a Parigi. Occupando non meno di 70 mq. (753 piedi ...
READ MORE
LA REGINA DELLA POP – ART ITALIANA IN MOSTRA A BARI PRESSO LA GALLERIA D’ARTE DI GIUSEPPE BENVENUTO
CONTEMPORANEA GALLERIA D’ARTE di Giuseppe Benvenuto presenta GIOSETTA FIORONI | Intreccia cura di Gemma Gulisano1 maggio – 31 maggio 2022BARIPer la prima volta nel capoluogo pugliese, Contemporanea Galleria D’Arte è ...
READ MORE
“Volti della metropoli”, un premio in “rosa” alla città del futuro e del bene
Il riconoscimento, voluto dall’Associazione Regionale dei Pugliesi insieme alla presidenza del Consiglio Comunale di Milano, sarà consegnato venerdì 24 giugno a Palazzo Marino a Marilisa d’Amico, Giuseppe Guzzetti, Gianna Martinengo, ...
READ MORE
Sganassau Cabaret 2022
Un'estate tutta da...Ridere Sarà Viserba, una tra le località più ambite della Riviera Romagnola, ad ospitare le tappe della XX° Edizione di‘Sganassau’, la kermess comica che grazie alla sua formula “open” ...
READ MORE
Rosalia per Skims 2022
SKIMS , il marchio di intimo, costumi da bagno e loungewear cofondato da  Kim Kardashian  , ha arruolato la cantautrice spagnola Rosalía , vincitrice di un Grammy Award, per la sua ultima campagna, che verrà ...
READ MORE
Cate Blanchett, la nuova ambasciatrice del marchio per la collezione di alta gioielleria di Louis Vuitton, “Spirit”
Louis Vuitton  ha presentato martedì la sua più grande collezione di alta gioielleria fino ad oggi a Marrakech e ha un nuovo ambasciatore del marchio in prima linea: Cate Blanchett. L'attrice australiana ...
READ MORE
La ricchezza e le donne, ritorna la Variante D
Ripartire da dove tutto si è fermato, con forza e determinazione. La nuova edizione della Variante D sarà una giornata di confronto, con illustri ospiti, per rafforzare il background professionale ...
READ MORE
Casa LOEWE apre ad Hong Kong presso Habour City
Loewe apre Casa LOEWE a Hong Kong LOEWE ha ampliato la sua presenza presso   il centro commerciale  Harbour City di Hong Kong, stabilendo  lì un vero e proprio flagship store Casa LOEWE . Lo spazio commerciale ...
READ MORE
Salute e benessere della donna dai 50 anni
Gli enigmi gentili
A buon mercato
LA REGINA DELLA POP – ART ITALIANA IN
“Volti della metropoli”, un premio in “rosa” alla
Sganassau Cabaret 2022
La pluripremiata cantautrice spagnola Rosalía è il nuovo
Cate Blanchett, la nuova ambasciatrice del marchio per
La ricchezza e le donne, ritorna la Variante
A loewe estremo