Semplici tecniche muscolari possono gestire efficacemente i sintomi

ladder, snail, stairs

Sentirsi storditi quando ci si alza in piedi a causa dell’ipotensione ortostatica iniziale (IOH), o di una diminuzione transitoria della pressione sanguigna e dell’aumento della frequenza cardiaca, è una condizione comune ma poco conosciuta. Un nuovo studio offre due semplici tecniche senza costi e senza farmaci per gestire efficacemente i sintomi della IOH e migliorare la qualità della vita attivando i muscoli della parte inferiore del corpo prima o dopo la posizione eretta. La ricerca appare su Heart Rhythm , la rivista ufficiale della Heart Rhythm Society, della Cardiac Electrophysiology Society e della Pediatric & Congenital Electrophysiology Society.

Sincope, vertigini, vertigini o perdita di coscienza da IOH, colpiscono fino al 40% della popolazione generale (di tutte le età), mentre la presincope è probabilmente ancora più comune. Nonostante ciò, la condizione è relativamente poco studiata e sono disponibili informazioni minime sui meccanismi sottostanti o sulla gestione e trattamento dei sintomi. Attualmente, ci sono pochissime opzioni disponibili per i pazienti con IOH e nessun trattamento farmacologico. Le raccomandazioni più comuni sono state di alzarsi lentamente o di sedersi prima di alzarsi.

“Quasi tutti hanno probabilmente provato qualche stordimento dopo essersi alzati in piedi”, ha spiegato il ricercatore principale Satish R. Raj, MD, MSCI, FHRS, professore di scienze cardiache, Libin Cardiovascular Institute, Cumming School of Medicine, University of Calgary, Calgary, AB, Canada. “Per alcune persone questo è un evento frequente e può accadere più volte al giorno, il che può essere molto spaventoso e avere un impatto negativo sulla loro qualità di vita. Volevamo approfondire questo aspetto e fornire nuove ed efficaci tecniche di gestione dei sintomi con l’obiettivo di migliorare il la qualità della vita del paziente IOH”.

Questo studio ha studiato le manovre fisiche prima o dopo la posizione eretta e la loro efficacia nel ridurre il calo  , nonché i sintomi tipicamente osservati nei pazienti con IOH in piedi. I partecipanti allo studio includevano 24 giovani donne (età media 32 ± 8 anni) con una storia di svenimento ad alto carico subito dopo la posizione eretta e più di quattro episodi di presincope o sincope al mese. I partecipanti allo studio dovevano avere un calo significativo della pressione sanguigna sistolica di almeno 40 mmHg in piedi per soddisfare i criteri diagnostici di IOH nel giorno dello studio. Due partecipanti avevano registrazioni  inadeguate e sono stati esclusi dall’analisi.

I ricercatori hanno determinato che sia la preattivazione muscolare della parte inferiore del corpo (PREACT) che la tensione muscolare della parte inferiore del corpo (TENSE) hanno effettivamente ridotto il calo della pressione arteriosa media in posizione eretta e migliorato i sintomi dell’ipotensione ortostatica iniziale. A sinistra: diagramma schematico dei tre interventi: nessun intervento (Control), PREACT e TENSE. A destra: calo della pressione arteriosa media dopo Control (blu), PREACT (rosa) e TENSE (viola). 

I 22 partecipanti allo studio hanno completato tre manovre sit-to-stand incluso uno stand senza intervento (controllo) e due interventi. I ricercatori hanno scoperto che sia la preattivazione dei muscoli della parte inferiore del corpo (cosce) attraverso ripetuti sollevamenti delle ginocchia prima di stare in piedi (PREACT) sia la tensione dei muscoli della parte inferiore del corpo (cosce e glutei) attraverso l’incrocio e la tensione delle gambe immediatamente dopo la posizione eretta (TENSE) migliorano efficacemente la caduta della pressione sanguigna. Ciò ha portato a una riduzione dei sintomi in piedi. Hanno scoperto che la manovra PREACT ha ottenuto ciò aumentando la gittata cardiaca, mentre la manovra TENSE lo ha fatto aumentando la gittata sistolica.

“Il nostro studio fornisce una tecnica di gestione dei sintomi nuova e gratuita che i pazienti con IOH possono utilizzare per gestire i loro sintomi”, ha osservato il primo autore Nasia A. Sheikh, MSc, Libin Cardiovascular Institute, Cumming School of Medicine, University of Calgary, Calgary, AB, Canada. “Poiché si tratta di una manovra fisica, richiede semplicemente gli arti inferiori del corpo, che i pazienti possono utilizzare in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo per combattere i loro sintomi”.

“Il nostro studio dimostra la fisiologia della IOH e valuta l’utilità delle manovre fisiche che possono aiutare il paziente con IOH a gestire i propri sintomi. Una diagnosi di IOH è identificata dai pazienti come il primo passo fondamentale per consentire loro di comprendere e padroneggiare i propri sintomi e quindi ridurre al minimo le interruzioni della vita quotidiana causate da questa condizione comune, ma non comunemente compresa”, ha aggiunto la co-investigatrice Mary Runté, Ph.D., University of Lethbridge, Lethbridge, AB, Canada.

In un editoriale di accompagnamento , Bert Vandenberk, MD, Ph.D., Department of Cardiac Sciences, Libin Cardiovascular Institute, Cumming School of Medicine, University of Calgary, Calgary, AB, Canada; e Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, KU Leuven, Leuven, Belgio; e Carlos A. Morillo, MD, FHRS, Department of Cardiac Sciences, Libin Cardiovascular Institute, Cumming School of Medicine, University of Calgary, Calgary, AB, Canada, hanno commentato che “PREACT e TENSE forniscono un sintomo efficace ed eleganteopzione di sollievo per i pazienti con IOH.” Tuttavia, hanno osservato, “Lo studio deve essere convalidato negli uomini, oltre ad essere esplorato negli anziani dove dovrebbero essere affrontati più fattori confondenti. Comprendere il ruolo dei meccanocettori cardiopolmonari dovrebbe anche fornire ulteriori approfondimenti meccanicistici sugli effetti di queste manovre fisiologiche semplici ma molto efficaci”.

Ulteriori informazioni: Nasia A. Sheikh et al, La preattivazione e la tensione dei muscoli della parte inferiore del corpo attenuano i sintomi dell’ipotensione ortostatica iniziale nelle giovani femmine, Heart Rhythm (2022). DOI: 10.1016/j.hrthm.2021.12.030

Bert Vandenberk et al, Riduzione dei sintomi nell’ipotensione ortostatica iniziale: è ora di diventare fisici!, Heart Rhythm (2022). DOI: 10.1016/j.hrthm.2021.12.031