Soprannominato il movimento “paga, non restare”, le persone in tutto il mondo stanno prenotando Airbnb in Ucraina come un modo per mettere i fondi nelle mani della gente del posto. Ma può essere difficile capire chi sta ottenendo i soldi. 

Sarah Brown sapeva di voler fare qualcosa per il popolo ucraino dopo che la Russia aveva invaso il paese il 24 febbraio, ma non era sicura di cosa. Ha preso in considerazione le varie strade disponibili per fornire aiuto – organizzazioni come l’UNICEF e World Help – e alla fine ha deciso che era importante per lei fare qualcosa che le sentisse più vicino a casa.

Brown gestisce un’azienda che gestisce 30 proprietà Airbnb a Park City, nello Utah. Ha deciso che il modo più veloce in cui sapeva come aiutare era prenotare soggiorni Airbnb in Ucraina. Non aveva alcuna intenzione di rimanere negli affitti, ovviamente: era semplicemente un modo rapido per mettere i dollari tanto necessari nelle mani dei padroni di casa. Nella sua nota di prenotazione, ha detto che non sarebbe venuta di persona e “voleva solo inviare un po’ di amore a modo tuo”.

Persone in tutto il mondo stanno prenotando notti su Airbnbs in Ucraina che non hanno intenzione di utilizzare. Ha lo scopo di aiutare a portare denaro alla gente del posto. Ma sta aiutando?

Subito dopo, uno degli host ucraini ha risposto per esprimere la sua gratitudine, aggiungendo che il gesto “ci aiuta a sopravvivere a questi giorni più difficili”.

Brown non è solo. Come dimostrazione di sostegno al popolo ucraino, una miriade di sostenitori in tutto il mondo hanno prenotato pernottamenti su Airbnb in tutta l’Ucraina attraverso uno sforzo di base che è stato soprannominato il movimento “paga, non restare”. L’8 marzo, secondo Airbnb, erano state prenotate più di 61.000 notti in Ucraina, che si sono tradotte in oltre 2 milioni di dollari in quelle che sono essenzialmente donazioni di base (al 10 marzo, Airbnb non disponeva di dati aggiornati).

Nei giorni successivi, storie di host Airbnb ucraini che hanno ricevuto i fondi e li hanno utilizzati per pagare il proprio personale, per consentire ad altri ucraini di soggiornare gratuitamente (nel caso in cui la casa si trovi in ​​un luogo sicuro), per acquistare attrezzature e cibo per soldati e oltre sono sbocciati su Internet. Sebbene Airbnb non sia direttamente coinvolta nello sforzo, da allora la società di case vacanza ha rinunciato a tutte le commissioni, il che significa che ogni dollaro speso va direttamente agli host (ed è nel loro account entro 24 ore dal “check-in”, secondo Airbnb ).

Sebbene le prenotazioni di beneficenza siano ben intenzionate, i social media sono stati a lungo un terreno fertile per attività nefaste e, purtroppo, questa non fa eccezione. Man mano che il movimento è diventato più noto , sembra che alcuni truffatori stiano cercando di incassare la generosità creando annunci falsi . Quindi, come ti assicuri che i tuoi soldi vadano a coloro che ne hanno bisogno?

Come assicurarsi che i soldi vadano agli ucraini bisognosi

Prenotando in anticipo, non c’è molta trasparenza sugli host sul sito Web di Airbnb. Potrebbero altrettanto facilmente essere un locale che cerca di cavarsela o un truffatore che ha creato un account fasullo, capire quale può essere una sfida.

Alla domanda su come il sito Web stesse frenando potenziali truffatori, il responsabile delle comunicazioni di Airbnb Haven Thorn ha affermato: “Airbnb sta valutando attivamente l’attività di annunci in Ucraina, oltre alle nostre solide misure in atto per rilevare e scoraggiare le attività fraudolente”.

Una soluzione infallibile, ha osservato Thorn, è prenotare con un proprietario di Airbnb che ha più recensioni che risalgono a prima del 2022, annunci che esistono da prima ancora che si parlasse di una potenziale guerra. Dovrebbe eliminare i falsi, anche se come effetto collaterale, potrebbe anche significare che alcuni host legittimi che non hanno ancora recensioni vengono trascurati.

Prenotazione con un privato contro una società di gestione

Brown ha detto di aver sentito preoccupazioni sull’assicurarsi che i fondi finissero nelle mani di individui invece che di società . La preoccupazione è che non c’è modo di determinare se l’attività ha sede in Ucraina o altrove. È anche possibile che il denaro venga inavvertitamente inviato in Russia se la società che ha stabilito la quotazione ha sede lì.

Sebbene possa capire l’apprensione, non le impedisce di donare quando sono coinvolte aziende più grandi.

“Abbiamo lavorato personalmente con due società di gestione della proprietà e hanno detto che stanno usando i soldi per continuare a pagare il loro personale e supportare le persone nella loro comunità”, ha detto Brown. Ha aggiunto che spesso invia un messaggio chiedendo se l’aspirante destinatario è veramente un ucraino bisognoso. Non è infallibile, ma spera che siano onesti nella loro risposta.

Tuttavia, se preferisci fare una donazione a una sola persona, ha consigliato di cercare una stanza condivisa o una stanza in casa di qualcuno (che difficilmente sarà gestita da un’azienda), invece di un intero appartamento o casa.

Altre iniziative di Airbnb

Oltre a prenotare soggiorni, alcuni utenti di Airbnb hanno programmato esperienze come tour a piedi e degustazioni di vini. Il processo è simile alla prenotazione di una stanza e raggiunge altri ucraini. Tuttavia, valgono le stesse precauzioni. Se segui questa strada, cerca almeno di assicurarti che sia stata un’esperienza consolidata ben prima del conflitto.

Il 28 febbraio, Airbnb e il suo braccio di beneficenza, Airbnb.org , hanno annunciato che stavano lavorando con i suoi host per ospitare fino a 100.000 rifugiati in fuga dall’Ucraina Organizzazione internazionale per le migrazioni e il Ministero federale degli interni tedesco .. I soggiorni sono gratuiti per i rifugiati e sono finanziati da Airbnb, donazioni degli host e donatori a Airbnb.org, quindi contribuire a questa causa è un altro modo per aiutare nel caso in cui la prenotazione con un singolo host abbia qualche problema. Secondo Liz DeBold Fusco, responsabile delle comunicazioni di Airbnb, la società di noleggio sta “collaborando con organizzazioni non profit sul campo che lavorano direttamente con i rifugiati per fornire supporto abitativo”. A partire dal 10 marzo, i partner di Airbnb includono il

Secondo Airbnb, più di 30.000 host si sono iscritti per fornire case ai rifugiati, principalmente in Polonia, Moldavia, Romania, Ungheria e Slovacchia.

Attualmente, il marchio si impegna a due settimane per noleggio (anche se è difficile dire quanti rifugiati userebbero un noleggio: potrebbe essere un individuo o una famiglia). Un portavoce del marchio ha detto che prenderanno in considerazione l’aggiunta di soggiorni man mano che la situazione si evolve.

Related Posts
Achten Sie in einer Kriegssituation auf die Versicherung
Come funzionano le polizze viaggio in caso di guerra, non solo per i viaggi nei paesi direttamente interessati dal conflitto, ma anche in quelli confinanti? Ecco l’analisi di Facile.it. Come funzionano ...
READ MORE
Prada AI 2022
La dichiarazione di Patrizio Bertelli, CEO del Gruppo Prada. «Ci ​​sono segnali negativi sulla guerra in Ucraina. Gli effetti si vedranno da settembre in poi. Bisogna pensare alle PMI della moda”: le parole ...
READ MORE
Foto di AP Foto/Emilio Morenatti
Tutto lo spazio aereo ucraino, moldavo e in parte bielorusso è stato chiuso ai voli commerciali a causa dell'attacco della Russia. Ai viaggiatori è stato chiesto di lasciare immediatamente l'Ucraina via ...
READ MORE
WIKIPEDIA: una voce, tante voci
WIKIPEDIA lancia una maratona per l'Ucraina Indetto anche il Mese della Diplomazia Culturale dell’Ucraina insieme all’editathon WikiGap “Il patrimonio e le identità culturali possono giocare un ruolo fondamentale nelle relazioni tra ...
READ MORE
Le voci degli adolescenti ucraini dal mezzo della guerra: “Inizi ad apprezzare ciò che per te era comune e noioso”
Un edificio residenziale distrutto dai bombardamenti dell'esercito russo a Borodyanka, nella provincia di Kiev. Hennadii Minchenko/Ukrinform/NurPhoto via Getty Images Una collega di Kiev, in Ucraina, che chiamerò NM, mi ha inviato brevi ...
READ MORE
Basilik  il locale solidale di Leopoli dove andare a mangiare per fare del bene agli altri
  In Ucraina il ristorante-bar solidale "Basilik" è la prima iniziativa per venire incontro alle categorie bisognose della popolazione e dove far conoscere la cucina italiana   Nella ripresa dalla pandemia vi è ...
READ MORE
Airbnb lancia il progetto “Vivi e lavora ovunque”
Airbnb lancia il progetto "Vivi e lavora ovunque" che permetterà ai suoi dipendenti di lavorare in oltre 170 paesi nel mondo.Airbnb ha fatto un grande annuncio per la sua nuova ...
READ MORE
Il pianoforte dove non te lo aspetti: tutto pronto per Orbetello Piano Festival
Dal 14 luglio al 7 agosto torna il calendario che porta la grande musica in alcuni degli angoli più insoliti e suggestivi della laguna toscana Ideata da Giuliano Adorno e ...
READ MORE
Le piattaforme a sostegno dei rifugiati ucraini devono dare la priorità alla loro sicurezza o rischiare di esporli alla tratta e allo sfruttamento
Yomiuri Shimbun/APL'inimmaginabile tragedia dell'invasione russa dell'Ucraina ha costretto 4,5 milioni di rifugiati ucraini a fuggire nei paesi vicini, in cerca di protezione. Sono stati accolti con schiacciante sostegno e generosità da persone comuni ...
READ MORE
Photo by designerpoint on Pixabay
Bambole russe tradizionali in legno matrioska che mostrano il presidente russo Vladimir Putin e l'ex dittatore sovietico Josef Stalin in vendita in un negozio di souvenir di strada a Mosca. (Foto ...
READ MORE
Achten Sie in einer Kriegssituation auf die Versicherung
La guerra avrà effetti negativi a lungo termine
La Russia ha invaso l’Ucraina: ciò che i
WIKIPEDIA: una voce, tante voci
Le voci degli adolescenti ucraini dal mezzo della
Basilik il locale solidale di Leopoli dove
Airbnb lancia il progetto “Vivi e lavora ovunque”
Il pianoforte dove non te lo aspetti: tutto
Le piattaforme a sostegno dei rifugiati ucraini devono
La guerra di Putin alla storia è un’altra