Il presidente russo Vladimir Putin vede nella storia del suo paese la giustificazione essenziale per la guerra che sta conducendo contro il popolo ucraino. Ha usato a lungo la storia come arma di propaganda. Nel suo discorso sconclusionato alla vigilia della sua invasione dell’Ucraina, ha affermato che l’indipendenza dell’Ucraina ha separato e reciso “quella che storicamente è terra russa”. Ha anche detto che “nessuno ha chiesto ai milioni di persone che vivono lì cosa ne pensassero ”.

Putin non è noto per aver chiesto a coloro che governa cosa pensano di qualsiasi cosa. Tuttavia, la sua visione tendenziosa della storia russa è condivisa da milioni di russi .

Secondo Putin, la Russia è sempre stata una vittima irreprensibile dell’aggressione straniera, respingendo eroicamente gli invasori ei tentativi stranieri di distruggere la Russia. Esempi notevoli che usa spesso includono l’ occupazione polacco-lituana del Cremlino nel 1612 ; le invasioni di Carlo XII di Svezia nel 1708–9 e di Napoleone nel 1812 ; la guerra di Crimea e l’operazione Barbarossa di Hitler nel 1941 .

Quest’ultimo esempio aiuta a spiegare la notevole simpatia per la versione russa della storia in molti circoli occidentali. Il ruolo decisivo dell’Unione Sovietica nella sconfitta di Hitler è ricordato con gratitudine da molti nella generazione che ha vissuto la seconda guerra mondiale e da molti a sinistra. Di conseguenza, nonostante l’aggressione di Putin in Cecenia, Georgia e Crimea, non sono mancati commentatori influenti che hanno esortato a vedere le cose attraverso gli occhi della Russia ea comprendere la paura di un’invasione di Putin.

Questa visione della storia russa è unilaterale e altamente selettiva. In ogni caso sopra citato, si potrebbe sostenere che queste invasioni siano seguite, o siano state risposte ad atti di aggressione da parte della Russia stessa.

Putin ha anche più volte fatto riferimento a ciò che i russi chiamano “Kyivan Rus”, uno stato medievale incentrato sulla capitale dell’Ucraina, Kiev. I Rus erano gli antenati dei russi contemporanei, degli ucraini e dei bielorussi. Putin, come molti russi, ritiene che queste tre nazioni siano una sola, con ucraini e bielorussi semplicemente “fratelli minori” dei russi.

Il Granducato di Moscovia (Mosca) fu solo uno dei principati successori di Kyivan Rus e uno che rimase più a lungo sotto il dominio mongolo. Da quando ha scacciato la sovranità mongola durante il regno di Ivan III (1462–1505), i governanti russi hanno perseguito una grande visione imperiale. Affermarono di essere i legittimi eredi dell’eredità di Kyivan Rus ‘, che fu distrutta dai Mongoli nel 13° secolo.

Tuttavia, quando Ivan III affermò per la prima volta di essere il sovrano di tutta la Rus’, il che significava tutta quella che era stata la Rus’ di Kyivan, la stragrande maggioranza di quel territorio era governata dai granduchi di Lituania . Avevano esteso la loro protezione e il governo su Kiev e sulla maggior parte dei principati russi dopo la conquista mongola.

In contrasto con Ivan III e i suoi successori, che stavano costruendo un’autocrazia spietata, la dinastia pagana dei Gediminidi (che governò il Granducato di Lituania e il Regno di Polonia dal XIV al XVI secolo) gestiva un sistema di governo non centralizzato. Ai principi minori furono assegnati principati russi, convertiti alla chiesa ortodossa, sposati con principesse locali e assimilati alla cultura russa.

Questo sistema di autogoverno era molto più nella tradizione politica di Kyivan Rus che nell’autocrazia moscovita, mentre la stessa lingua russa è l’antenata del moderno bielorusso e ucraino. Era la lingua legale del granducato, poiché il lituano non era una lingua scritta fino al XVI secolo. Dopo il 1386, l’unione consensuale e negoziata della Lituania con la Polonia portò maggiori diritti legali. Dal 1569, il potente parlamento dell’unione limitò il potere reale e incoraggiò la tolleranza religiosa nei confronti della chiesa ortodossa.

Un francobollo russo blu e bianco.
Un francobollo russo che mostra la guerra del 1812. Timofeeff/Shutterstock

Quando Ivan III lanciò la prima delle cinque guerre moscovita-lituane combattute tra il 1492 e il 1537, non chiese agli abitanti ortodossi lituani cosa ne pensassero. Rivendicò le terre di tutta la Rus’, ma sebbene l’aggressione di Moscovia assicurò un terzo della Lituania nel 1537, queste terre erano scarsamente popolate. E gli abitanti ortodossi delle principali terre bielorusse e ucraine preferivano la libertà all’autocrazia.

Nel settembre 1514, Kostiantyn Ostrozky, il più grande magnate ortodosso in quella che oggi è l’Ucraina, distrusse un esercito moscovita molto più grande nella battaglia di Orsha e costruì due chiese ortodosse a Vilnius per celebrare la sua vittoria.

I russi hanno pagato un pesante tributo poiché Ivan ha quasi distrutto i sistemi economici e militari del paese e l’occupazione del Cremlino è arrivata al culmine di una guerra civile moscovita in cui un numero considerevole di boiardi (baroni) ha eletto il figlio del re di Polonia come loro zar .

La sfortunata invasione della Russia da parte di Carlo XII avvenne otto anni dopo che Pietro I lanciò un attacco non provocato ai possedimenti baltici della Svezia . E l’invasione di Napoleone fu sostenuta da decine di migliaia di polacchi e lituani che cercavano di restaurare la loro repubblica, cancellata illegalmente dalla mappa in tre partizioni tra il 1772 e il 1795. In ogni caso, la Russia aveva svolto un ruolo aggressivo e assertivo.

La guerra di Crimea fu anche una risposta all’aggressione russa contro l’Impero Ottomano. Infine, l’invasione di Hitler del 1941 fu preceduta dalle invasioni ciniche e non provocate di Stalin di Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia e Finlandia nel 1939-1940.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin è l’ultimo di una serie di atti di brutale aggressione da parte dei governanti russi contro i vicini del paese, giustificati da grandi rivendicazioni imperiali e da una narrativa ben consolidata e discutibile del vittimismo.

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article

Related Posts
La storia dei mondiali di calcio è su TikTok
Minuto Mondiale è il canale TikTok che ti accompagna lungo 90 anni di storia della Coppa del Mondo attraverso brevi video ricchi di curiosità ed aneddoti. Minuto Mondiale regala ai suoi ...
READ MORE
Il Divinity conquista le Tre Cocotte dalla Guida
Il Divinity Terrace, Lounge Bar & Restaurant del The Pantheon Iconic Rome Hotel, concept curato da Chef Francesco Apreda, ottiene il prestigioso riconoscimento Tre Cocotte 2023 targato Gambero Rosso Il The ...
READ MORE
Il diavolo e l’acqua santa: il parroco di Vaie dichiara guerra a ‘La Terra delle Streghe’, “negozio di perdizione”
Il diavolo e l'acqua santa, in Piemonte l'ennesimo scontro tra sacro e profano: "E' un negozio di perdizione", l'anatema lanciato dal Parroco di Vaie nei confronti della titolare di "La ...
READ MORE
Sono stati necessari ulteriori scavi per vedere se le ossa dei soldati di Waterloo caduti fossero vendute come fertilizzanti, poiché sono stati trovati pochi resti umani
Lanciato nell'anniversario del conflitto, un nuovo studio suggerisce che il mistero circonda ancora ciò che è successo ai corpi delle forze armate di WaterlooLe ossa dei soldati caduti nella Battaglia ...
READ MORE
Sephora, di proprietà di LVMH, vende una società controllata russa
Il rivenditore di prodotti di bellezza Sephora ha annunciato di aver raggiunto un accordo per vendere la sua filiale russa, a seguito di una raffica di marchi occidentali in uscita dalla regione. L'accordo, ...
READ MORE
LE TERRE DI FONTAMARA al Teatro Tor Bella Monaca
Venerdì 27 e sabato 28 maggio ore 21, e domenica 29 maggio ore 18 in scena al Teatro Tor Bella Monaca la compagnia Sinestesia Teatro con LE TERRE DI FONTAMARA, ...
READ MORE
Cultura: imparare la storia è un gioco grazie all’App
Torino, 29 ottobre 2020 – Tutto è partito da un passatempo estivo: zio e nipote, al mare, scrivono su bigliettini di carta 32 avvenimenti storici divertendosi poi a disporli in ordine cronologico. ...
READ MORE
La moda non passa mai di moda
Moda e pubblicità in Italia 1850-1950. La nascita della moda italiana raccontata attraverso 150 affascinanti opere da fine Ottocento a metà Novecento A Fondazione Magnani-Rocca Mamiano di Traversetolo - Parma 10 ...
READ MORE
Il JW Marriott Istanbul Marmara Sea è ora ufficialmente aperto
Membro di Marriott International , il JW Marriott Istanbul Marmara Sea è un hotel a cinque stelle che offre una posizione sul mare all'interno del complesso Sea Pearl, comodo per l'aeroporto internazionale di ...
READ MORE
+ Piacere – consumo energetico a far da mangiare
Mai senza coperchio, meno acqua e cottura passiva: tre semplici regole per una pasta ancora più green (-47% di energia ed emissioni gas effetto serra, -30% di energia)Uno studio promosso ...
READ MORE
La storia dei mondiali di calcio è su
Il Divinity conquista le Tre Cocotte dalla Guida
Il diavolo e l’acqua santa: il parroco di
Sono stati necessari ulteriori scavi per vedere se
Sephora, di proprietà di LVMH, vende una società
LE TERRE DI FONTAMARA al Teatro Tor Bella
Cultura: imparare la storia è un gioco grazie
La moda non passa mai di moda
Il JW Marriott Istanbul Marmara Sea è ora
+ Piacere – consumo energetico a far da