Yomiuri Shimbun/APL’inimmaginabile tragedia dell’invasione russa dell’Ucraina ha costretto 4,5 milioni di rifugiati ucraini a fuggire nei paesi vicini, in cerca di protezione. Sono stati accolti con schiacciante sostegno e generosità da persone comuni che offrono vestiti, cibo, trasporti e persino le loro case.Questi sforzi umanitari hanno rapidamente guadagnato terreno online, con le persone che hanno utilizzato una pletora di gruppi WhatsApp e  Facebook per coordinare il supporto.

Presto sono spuntati siti Web e piattaforme, dedicati a collegare coloro che sono disposti ad aiutare con i bisognosi. Questi includono A Roof , Shelter 4 UA , Homes for Ukraine , Refugees at Home , AirBnb , Room for Refugees , Host 4 Ukraine , Ukraine Take Shelter , Ukraine Shelter , Refugees.ro , Unitado , Ukraine Now e EU4UA .

Queste iniziative hanno consentito al pubblico di sostenere i rifugiati ucraini.

Tuttavia, molti di questi progetti ben intenzionati sono stati sviluppati con conoscenze umanitarie limitate e senza collaborazione con governi o ONG esperte. In quanto tali, rischiano anche di aprire la porta alla tratta e allo sfruttamento di esseri umani.

Il rischio è reale e preoccupante

Le persone sfollate a causa delle guerre sono a rischio di tratta e sfruttamento di esseri umani. Nel 2018, la ricerca delle Nazioni Unite ha mostrato un drastico aumento del numero di vittime della tratta di esseri umani provenienti da aree di conflitto come Siria, Iraq, Afghanistan e Myanmar.

Queste vittime possono finire in alcune delle peggiori forme di schiavitù moderna, come il lavoro forzato, il matrimonio forzato, la schiavitù sessuale o lo sfruttamento come parte di gruppi armati.

Tendenze simili sono già state osservate nella guerra in Ucraina. I rapporti indicano che autori e trafficanti hanno cercato di sfruttare i rifugiati ucraini confiscando documenti d’identità, chiedendo lavoro o prestazioni sessuali o rivolgendo aiuti solo alle giovani donne.

Ciò si basa su un’industria già consolidata di reti criminali che operano tra l’Ucraina ei paesi dell’Europa e dell’Asia centrale.

Secondo l’Unicef , tra il 24 febbraio e il 17 marzo sono stati identificati più di 500 minori non accompagnati che sono entrati in Romania dall’Ucraina. Il segretario generale di Missing Children Europe , Aagje Ieven, ha dichiarato :

Ci sono così tanti bambini […] di cui abbiamo perso le tracce […] Questo è un problema enorme, non solo perché significa che facilmente scompaiono e sono difficili da trovare, ma anche perché rende così facile la tratta.

Quindi, mentre la maggior parte delle offerte di supporto online sono ben concepite, il rischio di infiltrazione degli autori di reati è reale e preoccupante.

Le piattaforme dovrebbero assumersi la responsabilità

I rifugiati ucraini che arrivano nei paesi vicini sono esausti e traumatizzati. Quando cercano servizi come alloggio, trasporti, lavoro e medicine, non dovrebbero sopportare l’onere di dover garantire che le offerte presentate sulle piattaforme siano legittime.

I controlli dei precedenti sono un compito davvero impegnativo, anche per le istituzioni mature. E i criminali stanno diventando sempre più abili nel aggirare le barriere insite in questi controlli, ad esempio falsificando identità e falsificando credenziali e documenti di identità.

Ma senza tali controlli, tutte le parti, comprese quelle che offrono supporto, sono a rischio. Le piattaforme hanno il dovere di collaborare con gli esperti pertinenti e di presentare ai rifugiati solo offerte verificate.

Alcuni hanno guidato gli sforzi su questo fronte. Ad esempio, A Roof, Homes for Ukraine, Refugees at Home, Airbnb e Room for Refugees sono stati tutti guidati o co-creati con un ente governativo o una ONG nazionale o internazionale con un’esperienza rilevante in crisi umanitarie.

Queste piattaforme dichiarano che, dopo aver ricevuto un’offerta, verificano la credibilità di coloro che fanno l’offerta e le eventuali condizioni ad essa collegate. Solo allora le piattaforme collegano le persone che forniscono il servizio con i rifugiati. Queste piattaforme affermano anche di tenere un registro di tutte le attività e alcune presentano chiare regole di ingaggio per tutte le parti coinvolte.

D’altra parte, altre piattaforme lasciano controlli in background ai rifugiati, offrendo solo messaggi di avviso come:

La piattaforma funziona come un aggregatore di emergenza e non garantisce la validità di tutti i dati. Vi invitiamo a confermare la credibilità di tutti coloro che contattate per qualsiasi servizio. ( Refugees.ro )

Forniamo ai rifugiati una guida di alcune note di sicurezza per contattare gli host. I rifugiati sono in definitiva responsabili della propria sicurezza. ( Rifugio in Ucraina )

Molti media hanno approvato e promosso queste iniziative, comprese le due precedenti, senza porre domande vitali in materia di sicurezza, protezione e privacy. Tali approvazioni possono far sembrare un’entità degna di fiducia a coloro che cercano disperatamente aiuto.

Le persone fuggite dalla guerra in Ucraina riposano all'interno di uno stadio sportivo al coperto utilizzato come centro profughi
Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, circa il 90% dei rifugiati ucraini sono donne e bambini. Petro Giannakouris/AP

Protezione per chi vuole aiutare

La privacy di coloro che offrono supporto dovrebbe essere protetta anche dalle piattaforme su cui si affidano i propri dati. Nella maggior parte dei casi questi dati includeranno il nome completo, l’indirizzo e-mail, i numeri di telefono, l’indirizzo di casa e le immagini.

Alcune delle piattaforme più affidabili dichiarano che i dati personali ricevuti vengono utilizzati solo per facilitare il contatto tra ospitanti e rifugiati e messi a disposizione solo dell’organizzazione incaricata (generalmente una ONG specializzata o un’agenzia governativa).

Tuttavia, anche queste piattaforme potrebbero fare di più per garantire che stiano adottando misure contro gli attacchi informatici e abbiano soluzioni di backup nel caso in cui i dati siano compromessi.

Alcune  piattaforme mostrano i nomi completi, le e-mail, gli indirizzi di casa e le immagini degli utenti affinché tutti possano vederli. Ciò mette le persone a rischio che i loro dati vengano raschiati, venduti e utilizzati per frode o sfruttamento.

Le corrispondenze tra rifugiati e ospitanti dovrebbero essere chiaramente registrate e condivise con le autorità su richiesta. Senza questo, ci sono opportunità per i perpetratori di adescare o truffare le vittime senza lasciare traccia.

Tutti possiamo fare di più per aiutare

Coloro che hanno sviluppato soluzioni per aiutare i rifugiati ucraini dovrebbero essere celebrati, e questo articolo non intende sminuire i loro sforzi.

Tuttavia, è irragionevole aspettarsi che i rifugiati vulnerabili, molti dei quali stanno arrivando in paesi in cui non parlano la lingua locale, dovrebbero essere quelli che garantiscono la credibilità delle offerte.

Le piattaforme che facilitano gli sforzi umanitari non dovrebbero essere in grado di ignorare le raccomandazioni di sicurezza, protezione e privacy nascondendosi dietro “termini e condizioni”. È passato più di un mese dall’inizio dell’invasione, quindi la scusa iniziale che non c’era tempo per attuare queste misure non regge più.

Andando avanti, gli sviluppatori di piattaforme esistenti dovrebbero lavorare a stretto contatto con organizzazioni esperte per garantire la sicurezza, la protezione e la privacy dei loro utenti. Allo stesso tempo, si consiglia ai membri del pubblico che desiderano offrire supporto di utilizzare solo piattaforme che dispongano di tali misure in atto.

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article

Related Posts
Audemars Piguet Royal Oak carica automatica Carolina Bucci Edizione Limitata 2022
Audemars Piguet svela la nuova edizione limitata con la collaboratrice di lunga data,  Carolina Bucci , in un tocco arcobaleno multicolore ultra cool sul  quadrante della  tapisserie . Segna il terzo Royal Oak con il gioielliere italiano. I precedenti ...
READ MORE
Mondiali 2022 Qatar: Fortnum & Mason apre a Doha presso Place Vendome Qatar
Fortnum & Mason , uno dei grandi magazzini più importanti e prestigiosi di Londra, apre la sua prima filiale in Qatar in vista della Coppa del Mondo FIFA 2022. Situato nel cuore della città ...
READ MORE
Cibo e Viaggi, il nuovo studio dell’Osservatorio Nestlé
Relax e meno flirt. Buon cibo ma senza troppo sperimentare. In vacanza gli italiani si riscoprono prudenti buongustai. La vacanza come possibilità di fuga dalla quotidianità ha perso attrattiva. A ...
READ MORE
Lisa Borgiani “What is Europe to you?”
In mostra a Milano la narrazione fotografica in divenire dell’artista Lisa Borgiani che dal 2019 ha incominciato a viaggiare nelle principali città e capitali europee ponendo, ad ogni abitante ritratto, ...
READ MORE
Il corpo di un militare vicino a un veicolo militare russo distrutto. Sergey Bobok/AFP tramite Getty Images
Coloro che iniziano le guerre spesso iniziano con un presupposto eccessivamente ottimista che i combattimenti saranno rapidi, controllabili e che le vittime saranno basse. Quando molti corpi iniziano a tornare a casa o ...
READ MORE
Tutto si fa su internet – cucinare a casa: il 95% degli italiani cerca le ricette in rete
La quasi totalità degli italiani si affida a fonti online nel momento in cui decide di cucinare a casa. Quali sono le fonti preferite? E quali le ricette più ricercate? Gli ...
READ MORE
L’orologio Luminor Luna Rossa di Panerai debutta con un nuovo look
Forgiata da decenni di ideazione di strumenti per gli avventurieri, in particolare quelli che mettono alla prova il loro coraggio contro il mare, la manifattura Panerai ha una meritata reputazione per la ...
READ MORE
Appena in tempo!
Per presentare un classico della tavola per Pasqua: La torta pasqualina Difficoltà: Difficile E´ una torta salata di verdure della cucina genovese, un tempo classica del periodo pasquale. Con lo stesso nome si ...
READ MORE
Basilik  il locale solidale di Leopoli dove andare a mangiare per fare del bene agli altri
  In Ucraina il ristorante-bar solidale "Basilik" è la prima iniziativa per venire incontro alle categorie bisognose della popolazione e dove far conoscere la cucina italiana   Nella ripresa dalla pandemia vi è ...
READ MORE
BOLOGNA. Anaste: presentazione 9o bilancio sociale
9° Bilancio Sociale ANASTE Emilia-RomagnaIl Bilancio Sociale presentato il 6 luglio nella sede di Confcommercio Ascom Bologna registra la partecipazione di 23 strutture residenziali associate ANASTE Emilia-Romagna. Buono l’andamento complessivo ...
READ MORE
Audemars Piguet presenta il nuovo Royal Oak Selfwinding
Mondiali 2022 Qatar: Fortnum & Mason apre a
Cibo e Viaggi, il nuovo studio dell’Osservatorio Nestlé
Lisa Borgiani “What is Europe to you?”
È difficile trovare un bilancio affidabile delle vittime
Tutto si fa su internet – cucinare a
L’orologio Luminor Luna Rossa di Panerai debutta con
Appena in tempo!
Basilik il locale solidale di Leopoli dove
“Pronti ad imparare dagli anni della pandemia per