Milano, 10 maggio 2022 – Con l’inizio di maggio si è fatto un nuovo importante passo verso il ritorno alla normalità, un altro step nella road map che, lentamente, ci accompagnerà fino al momento in cui si lasceranno definitivamente alle spalle mascherine e Green pass.

Il Covid-19 in quel momento resterà solo un  terribile ricordo. Ma non si può certo dire che il mondo tornerà a essere realmente quello di prima: una pandemia come quella che abbiamo vissuto non può non lasciare sul campo cambiamenti importanti. Non tutti negativi, peraltro. Si pensi all’evoluzione conosciuta dal mondo del lavoro, oggi così diverso sotto molti aspetti rispetto a quello di fine 2019.

«Il Covid-19 ha imposto svariati cambi di passo alle aziende, e di certo la gestione delle risorse umane non fa eccezioni. Anzi, è forse proprio nella gestione e nella selezione dei talenti che il mondo del lavoro è cambiato maggiormente con l’emergenza sanitaria», spiega Carola Adami, fondatrice di Adami & Associati, società internazionale di head hunting specializzata nella selezione di personale qualificato e nello sviluppo di carriera.

Quando si pensa alle rivoluzioni portate o accelerate dal Covid-19 si pensa immediatamente allo smart working.

«Certo, il lavoro agile è qualcosa che era già pronto a diffondersi, ma che con la pandemia ha conosciuto un’enorme accelerazione, espandendosi con un ritmo che mai sarebbe stato possibile in situazioni normali. Ma se dapprima lo smart working è stato calato dall’alto e interpretato in modo emergenziale come lavoro da remoto, oggi invece è nel mirino di tante aziende e di tantissimi professionisti, nella sua accezione più originale nonché permanente» spiega l’head hunter, che ha seguito da vicino, e per questo conosce molto bene i cambiamenti del mondo del lavoro dell’ultimo biennio.

Mentre il mondo del lavoro sta vivendo la contro-migrazione verso gli uffici al rientrare dell’emergenza sanitaria, quindi, si allarga il fronte dei lavoratori desiderosi di mantenere lo smart working nella propria vita professionale: «è ormai normale, nei colloqui conoscitivi, incontrare professionisti dei più diversi settori e con le più differenti esperienze professionali porre come prerequisito fondamentale la possibilità di lavorare in smart working. Nello specifico, la maggior parte dei candidati punta a uno o due giorni di lavoro in agilità alla settimana, per meglio equilibrare sfera professionale e personale».

Non si parla però solo di smart working: la pandemia ha cambiato in modo diretto e indiretto anche altri aspetti del mondo del lavoro. «Da una parte il Covid-19 ha portato le aziende a cercare qualcosa di diverso nei propri nuovi assunti, con la consapevolezza di vivere in uno scenario in cui la situazione lavorativa può cambiare da un momento e l’altro: per questo cerchiamo con maggiore frequenza agilità e flessibilità mentale. Dall’altra la pandemia ha portato i dipendenti a focalizzarsi maggiormente sull’importanza del proprio benessere fisico e psicologico. In generale, le persone sono meno disposte a fare dei compromessi su questi aspetti, e il significativo aumento di dimissioni volontarie che hanno avuto luogo anche in Italia lo dimostra».

A dimostrare che la Great Resignation non è unicamente un fenomeno americano c’è per esempio una recente indagine Aidp, l’Associazione italiana per la direzione del personale, effettuata su 850 rispondenti tra direttori del personale e aziende, la quale dice che il 75% delle aziende italiane ha già avuto a che fare con un aumento delle dimissioni volontarie, in particolar modo per quanto riguarda le aree di informatica, marketing e produzione.

«L’aumento delle dimissioni è in linea con la volontà via via più forte dei dipendenti di avere un lavoro quanto più possibile ideale: si mira a posti in cui sia possibile fare davvero la differenza, in cui ci si possa sentire un elemento integrante e indispensabile», continua la Adami.

Come spiega l’head hunter, nel caso dei lavoratori più giovani ci sono ulteriori aspetti da prendere in considerazione: «per i Millennial è particolarmente importante il tema della formazione continua in azienda, con la possibilità di crescere, di imparare e di fare carriera, che finisce per superare per importanza il fattore stipendio.

Non va poi sottovalutato il fatto che i giovani sono sempre meno disposti a lavorare per realtà che non rispecchiano i loro valori: anche questo punto deve essere tenuto in grande considerazione per non vedere calare inesorabilmente le candidature in risposta ai propri annunci di lavoro».

 
Related Posts
4 giugno 2022: The sound of breath – Movie
Presentazione ultimo CD Sabato 4 giugno 2022 alle ore 21.30 Palazzo Pesce si apre a “The Sound of Breath – Movie” con Paolo Daniele all’armonica cromatica e vibrandoneon, Nicola Lepore alla ...
READ MORE
Sganassau Cabaret 2022
Un'estate tutta da...Ridere Sarà Viserba, una tra le località più ambite della Riviera Romagnola, ad ospitare le tappe della XX° Edizione di‘Sganassau’, la kermess comica che grazie alla sua formula “open” ...
READ MORE
Ferrari entra in Egitto con il rivenditore locale di auto di lusso Ezz Elarab Group
La Ferrari sbarca ufficialmente in Egitto a seguito di un accordo con il Gruppo Ezz Elarab per rappresentare i veicoli di fascia alta, premium e di lusso più alti del mondo nel paese. La ...
READ MORE
Il nuovo volto di Ischia
Apre l'angolo gastronomico Nonna Marì e la prima lista mixology dell'isola al Botania Relais & SpaLa natura e il benessere diventano protagonisti, Il Giardino Botanico, Nonna Marí e la prima ...
READ MORE
Trovare nuovi talenti: la sostenibilità diventa una parola chiave
Milano, 2 novembre 2021 - Quello della sostenibilità è un tema sempre più centrale: a dimostrarlo c'è la grandissima attenzione raccolta in questi giorni dalla COP26, la conferenza Onu sul clima che sta ...
READ MORE
Lisa Borgiani “What is Europe to you?”
In mostra a Milano la narrazione fotografica in divenire dell’artista Lisa Borgiani che dal 2019 ha incominciato a viaggiare nelle principali città e capitali europee ponendo, ad ogni abitante ritratto, ...
READ MORE
Hilton Apre Conrad Chia Laguna Sardegna
Hilton la scorsa settimana ha annunciato di aver aperto un hotel Conrad da 107 camere in Sardegna, cosa che mi ha sorpreso. Si scopre che questa proprietà Conrad Chia Laguna Sardinia ...
READ MORE
Stay Woke mi ha ricordato l’importanza di raccontare storie di ingiustizia da parte di coloro che ne sono più colpiti
Phoebe Powell/Darlinghurst Theatre Company Recensione: Stay Woke, di Aran Thangaratnam, diretto da Bridget Balodis. L'odore persistente dell'incenso e lo scricchiolio frettoloso di murukku e thattu vadai salutano il pubblico mentre ci si accomoda ai loro posti ...
READ MORE
Tre modi per affrontare le “paure della domenica”, l’ansia e il terrore che molte persone provano alla fine del fine settimana
Molte persone provano ansia o paura quando arriva la fine del fine settimana. Nicoleta Ionescu/ShutterstockLa domenica è spesso un'occasione per ritrovarsi con gli amici, perdere il sonno e riprendersi dalla sbornia ...
READ MORE
Smart Working e Smart Living: Un nuovo modo di concepire gli spazi abitativi
In questi mesi la dicitura Smart Working è ormai entrata a far parte della nostra quotidianità e abbiamo dovuto imparare ad organizzare gli spazi della nostra casa, per renderla più ...
READ MORE
4 giugno 2022: The sound of breath –
Sganassau Cabaret 2022
Ferrari entra in Egitto con il rivenditore locale
Il nuovo volto di Ischia
Trovare nuovi talenti: la sostenibilità diventa una parola
Lisa Borgiani “What is Europe to you?”
Hilton Apre Conrad Chia Laguna Sardegna
Stay Woke mi ha ricordato l’importanza di raccontare
Tre modi per affrontare le “paure della domenica”,
Smart Working e Smart Living: Un nuovo modo