L’ansia è un’esperienza comune su uno spettro molto lungo. Se ti sei mai sentito ansioso, sai quanto può essere orribile. Può anche sembrare debilitante e divorante, combattendo ogni pensiero logico che sai esistere. Per molti è un’esperienza spaventosa.

Purtroppo, come per molti altri problemi relativi alla salute mentale, c’è molta disinformazione sull’ansia che permea Internet e il mondo. Sapere cosa è reale e cosa non lo è è importante se stai cercando di gestire la tua ansia. Ecco 9 miti sull’ansia in cui tutti credono, ma non sono veri.

Mito n. 1 – I disturbi d’ansia sono molto rari

Alcune persone fanno commenti su come “tutti” sembrano avere un disturbo d’ansia in questi giorni, il che implica che alcune di queste persone stanno mentendo o fingendo. Sfortunatamente, i disturbi d’ansia non sono così rari.

I disturbi d’ansia sono tutt’altro che rari. In effetti, sono il disturbo mentale più comune in America secondo l’Anxiety and Depression Association of America. Il 18,1% della popolazione degli Stati Uniti di età pari o superiore a 18 anni soffre di un disturbo d’ansia.

Sono ben 40 milioni di adulti, e questo non include i bambini che iniziano a provare ansia durante l’infanzia, che è anche sorprendentemente comune; Il 25,1% degli adolescenti ne ha uno diagnosticato! Ecco quante persone hanno i cinque principali disturbi d’ansia:

  • Disturbo d’ansia generalizzato (GAD). In America, 6,8 milioni di adulti (o il 3,1% della popolazione degli Stati Uniti) hanno GAD.
  • Disturbo d’ansia sociale (SAD). In America, 15 milioni di adulti (o il 6,8% della popolazione degli Stati Uniti) hanno il SAD.
  • Disturbo di panico (PD). In America, 6 milioni di adulti (o il 2,7% della popolazione degli Stati Uniti) hanno il morbo di Parkinson.
  • Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC). In America, 2,2 milioni di adulti (o l’1% della popolazione degli Stati Uniti) hanno il DOC.
  • Disturbo Post-traumatico da Stress (PTSD). In America, 7,7 milioni di adulti (o il 3,5% della popolazione degli Stati Uniti) hanno un disturbo da stress post-traumatico.

Mito n. 2: l’alcol è un buon modo per alleviare l’ansia

Quando bevi una moderata quantità di alcol, potresti notare che ti senti un po’ più calmo. All’inizio sembra che questo sia un ottimo trucco per ottenere un po’ di coraggio liquido e sentirsi abbastanza coraggiosi da fare quelle cose che ti rendono ansioso. Potresti anche sentirti orgoglioso di te stesso se stai attento a bere solo in modo ragionevole e sicuro!

Sfortunatamente, la spinta dell’alcol al tuo pensiero positivo non è solo temporanea, è anche controproducente. L’alcol riduce la qualità del sonno e ti rende ancora più ansioso il giorno successivo rispetto al giorno prima. Fondamentalmente, l’ansia successiva all’alcol è peggiore dell’ansia iniziale di cui potresti aver cercato di liberarti!

Peggio ancora, l’abuso di alcol è spesso una comorbidità comune per chi soffre di disturbi d’ansia. Più diventi dipendente dall’alcol per affrontare l’ansia, più è probabile che esageri, crei una tolleranza o lo usi come metodo per evitare i tuoi problemi. Non hai bisogno di smettere di bere alcolici se non hai un problema di abuso di alcol, ma di certo non dovresti nemmeno fare affidamento su di esso per alleviare la tua ansia.

Mito n. 3: chiunque può uscire dall’ansia

I disturbi d’ansia possono sembrare sciocchi alle persone che non li hanno. Ma come ogni malattia mentale, non si risolvono esattamente da sole. La maggior parte delle persone sperimenta alti e bassi con l’ansia, il che significa che alcuni giorni sono peggiori di altri. Ma anche nei giorni buoni, chi soffre di ansia è ancora più ansioso di chi ne è privo.

Non è raro che alle persone con ansia venga detto di sbarazzarsene, ma non è così che funziona. Sebbene tutti sperimentino momenti occasionali di ansia, quelli con disturbi d’ansia hanno questi problemi cronicamente in un ciclo. La maggior parte dei disturbi d’ansia richiederà un trattamento regolare per vedere un miglioramento del proprio stato.

Mito n. 4 – L’ansia non ha effetti sulla salute fisica

L’ansia è una condizione mentale, quindi molte persone credono erroneamente che sia solo “nella testa” e non possa influenzare nessun’altra parte del corpo. Questo è completamente errato. Gli studi hanno effettivamente scoperto che le persone con ansia possono avere sintomi fisici così gravi da testare entro determinati intervalli equivalenti a quelli con problemi cardiaci, diabete e altri problemi. Ecco alcuni modi in cui l’ansia colpisce il corpo fisico:

· Respirazione

Quelli con ansia possono spesso sperimentare una respirazione superficiale o rapida. Coloro che hanno anche disturbi respiratori, come broncopneumopatia cronica ostruttiva, complicanze legate all’ansia possono peggiorare il rischio di essere ricoverati in ospedale. L’ansia può anche peggiorare i sintomi dell’asma.

· Immunità

Quando provi ansia, il tuo corpo risponde attraverso un istinto di lotta o fuga. Ciò aumenta il polso e la respirazione del corpo per fornirti i componenti di cui hai bisogno per sopravvivere a una situazione, a scapito di altre funzioni di base del corpo. Questo è utile quando ne hai bisogno, ma male quando è cronico, poiché la tua immunità è compromessa da uno scenario di lotta o fuga costante.

· Problemi cardiovascolari

L’ansia costante aumenta il rischio di ipertensione, palpitazioni, dolori al petto e altri problemi cardiovascolari. Certamente non aiuta nemmeno il fatto che sia facile confondere gli attacchi di panico con gli attacchi di cuore.

· Digestione

Potresti aver notato che quando sei sottoposto a un forte stress, il tuo stomaco ha la nausea. I disturbi d’ansia colpiscono comunemente l’intestino, causando problemi di defecazione, mal di stomaco, alterazioni dell’appetito e persino nausea. Per alcuni, può anche essere un fattore di rischio per malattie come la sindrome dell’intestino irritabile.

gatti da terapia

Incontra un gatto da terapia che ha aiutato il suo padrone nelle avversità.

Mito n. 5: chi soffre di ansia dovrebbe assicurarsi di evitare situazioni stressanti

È davvero semplicemente impossibile evitare lo stress nella vita. Inoltre, è completamente controproducente provare. In apparenza, sembra che evitare tutto ciò che induce ansia possa ridurla a lungo termine, ma non è né semplice né effettivamente efficace. Questo è perché:

  • Considerarti una persona fragile che ha bisogno di protezione attraverso l’evitamento provoca solo ulteriore ansia
  • Una ridotta esposizione ai fattori di stress quotidiani può separarti dalla realtà e renderti ancora meno abituato ad essa
  • Trattare le fonti di ansia quotidiane come cose da evitare le trasforma in nemici, rafforzando l’idea che siano spaventose o per cui valga la pena essere ansiose

Naturalmente, non dovresti gettarti direttamente nel cuore di ciò che ti rende ansioso. Invece, prova a esporre lentamente e in sicurezza la tua mente e il tuo sé a cose che causano ansia. Il mondo è pieno di cause di stress e un trattamento efficace dell’ansia incoraggia un paziente a imparare che può essere coraggioso e svolgere compiti anche quando è ansioso!

Mito n. 6 – L’ansia sociale è solo essere timidi o introversi

Confrontare i tratti introversi con l’ansia sociale è come confrontare una lieve tristezza con un disturbo depressivo maggiore. Queste due cose sono così distanti nello spettro che semplicemente non sono affatto paragonabili.

L’ansia sociale si riferisce a una paura o preoccupazioni significative che circondano le prestazioni e le situazioni sociali, in genere fino al punto di paure, preoccupazioni o ossessioni significative per il proprio comportamento e quello degli altri. Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 5a edizione elenca quanto segue come alcuni dei sintomi di un disturbo d’ansia sociale o di una fobia sociale:

  • Evitamento di situazioni sociali che possono produrre ansia o semplicemente sopportandole a malapena tentando di gestire un’intensa paura
  • Ansia che non è proporzionale alla situazione
  • Ansia e/o paura intensa o persistente relativa a specifici ambienti e situazioni sociali a causa della paura di essere umiliati, giudicati o imbarazzati
  • Un sostentamento quotidiano che viene interrotto o danneggiato dall’angoscia o dall’ansia

Questo è estremamente diverso dal semplice essere una persona timida. È vero che chi è timido potrebbe avere un rischio maggiore di sviluppare fobie sociali, ma ciò non significa che siano la stessa cosa. La differenza nei livelli di disagio è evidente.

Mito n. 7: l’ansia deve essere trattata con i farmaci e ci vuole molto tempo

Al giorno d’oggi, ci sono molti modi applicabili e sicuri per trattare l’ansia che non implicano l’uso di farmaci. Non c’è assolutamente nulla di sbagliato nell’usare i farmaci per gestire l’ansia, ma se questa non è la strada giusta per un paziente, ci sono molte altre scelte, tra cui:

  • Esercizio
  • Meditazione
  • Strategie di gruppo
  • Strategie di problem solving
  • Tecniche di rilassamento
  • Terapia comportamentale cognitiva
  • Combinazioni di diverse strategie

Inoltre, molte persone iniziano a notare miglioramenti nei sintomi della loro ansia entro settimane o mesi dall’avanzamento del trattamento. Ciò significa che non ci vuole un’eternità per iniziare a migliorare e molte persone scoprono che il giusto piano di trattamento su misura per le loro esigenze fa miracoli per un recupero e una gestione più rapidi.

Mito n. 8 – I disturbi d’ansia sono ovvi per tutti

I disturbi d’ansia di alcune persone possono certamente presentarsi in modi ovvi, ma nella maggior parte dei casi, gli spettatori semplicemente non noteranno affatto l’esistenza del disturbo. Tuttavia, la mancanza di ovvietà non determina la gravità dell’ansia di qualcuno. Questo perché un individuo ansioso può:

  • Impiegare meccanismi di coping per nascondere la loro ansia
  • Usa delle scuse per spiegare determinati comportamenti
  • Evita le situazioni che potrebbero scatenare la loro ansia
  • Vergognati di mostrare uno qualsiasi dei loro sintomi
  • Prova un’ansia che è molto specifica per determinate situazioni
  • Sperimenta attacchi di panico o sintomi di ansia apertamente in privato e reprimili in pubblico
  • Avere sintomi di ansia psicologica che non si manifestano fisicamente

Mito n. 9 – Respirazione profonda, cura di sé e rimedi naturali risolvono l’ansia

Le pagine dei social media sono spesso invase da persone che affermano che tutti i tipi di prodotti naturali hanno curato la loro ansia. Certo, usare metodi rilassanti può aiutarti a sentirti più calmo, ma i disturbi d’ansia non possono essere sradicati facendo un bel bagno. È come schiaffeggiare un cerotto su una ferita da proiettile!

Potresti aver visto persone affermare che le seguenti cose possono curare l’ansia:

  • Oli essenziali
  • Erbe e rimedi erboristici
  • Prendersi del tempo per prendersi cura di sé
  • Meditazione
  • Esercizio
  • Mangiare sano
  • Agopuntura
  • Tè rilassanti
  • Basta fare lunghe pause

Nessuna di queste cose da sola curerà l’ansia. Possono sicuramente aiutare e non c’è motivo per cui non dovresti impiegare metodi calmanti nella tua vita di tutti i giorni se stai cercando di gestire meglio l’ansia, ma non aspettarti che risolvano magicamente tutto!

Considerazioni finali su alcuni miti sull’ansia che tutti credono ma non sono veri

Ci sono molte cose sull’ansia e su altri problemi di salute mentale che ancora non sappiamo, e accettare miti sull’ansia di certo non aiuta le cose. Se stai cercando aiuto per la tua ansia o stai cercando di conoscere l’ansia per aiutare qualcuno nella tua vita, assicurati che le informazioni che assorbi siano accurate! 

Related Posts
Torna a Montauro il Mat Festival, il Festival del materassino, al Dadada Beach Village
Al Dadada Beach Village dal 23 al 26 giugno torna il MAT Festival, il festival dei materassiniCatanzaro, 13 giugno 2022 - Ci siamo, l'estate è arrivata e c’è tanta voglia ...
READ MORE
L’attrice Francesca Cavallin, tra le consulenti del Premio “Penisola Sorrentina”
L’attrice originaria di Bassano Del Grappa è tra le consulenti del Premio “Penisola Sorrentina” che rilancia la “Carta di Sorrento 2021” per turismo, ambiente ed audiovisivo nel dopo Covid: “Si punti ...
READ MORE
Meditazione: qualche consiglio
A causa della fretta, dello stile di vita sovraffollato e dell'epidemia di virus, a volte scopriamo di essere tesi e nervosi per molto da fare. A causa della fretta, dello stile ...
READ MORE
Lavoro: 10 consigli per centrare l’assunzione
Milano, 3 settembre 2021 – Nella ricerca di un lavoro talvolta ci si trova di fronte a degli annunci di lavoro che sembrano fatti appositamente per noi. Su LinkedIn, sui portali di annunci, sui siti web delle agenzie di ...
READ MORE
Il crescendo della vita – Osho
«I miei sannyasin celebrano anche la morte perché per me la morte non è la fine della vita ma il suo estremo crescendo, il suo climax, il suo apice. La ...
READ MORE
Non avere paura dell’inattività – Thich Nhat Hanh
La maggior parte di noi conduce una vita fitta di impegni, con un'agenda pienissima. Nel nostro calendario, però, ci sono abbastanza “giorni pigri”? Un “giorno pigro” è un giorno in cui possiamo ...
READ MORE
A Lezione di Sostenibilità
Insegnare (e imparare) la Sostenibilità in cucinaChi meglio di colui che fa della cucina il proprio lavoro, può far propri e trasmettere ad altri valori importanti sulla sostenibilità del cibo? ...
READ MORE
Naked foot on the sand
Calpestare tappeti di sabbia, erba e terra per sentirsi più liberi, rinforzare la muscolatura, migliorare la postura e dimenticare lo stressIl Barefooting arriva dalla lontana Nuova Zelanda, impazza tra le ...
READ MORE
Lo Zen di Buddha (racconto zen)
Buddha disse: «Io considero la posizione dei re e dei governanti come quella dei granelli di polvere. Osservo tesori di oro e di gemme come se fossero mattoni e ciottoli. ...
READ MORE
A Sacile parte “Sosteniamo chi ci Cura”, per il benessere degli operatori sanitari
Al via Sosteniamo chi ci Cura, Programma Benessere per Operatori Sanitari Pordenone, 26 aprile 2021 – La Fondazione Maharishi con l’Associazione Meditazione Trascendentale Maharishi ha avviato, presso la Residenza Protetta per anziani, nel comune di Sacile, ...
READ MORE
Torna a Montauro il Mat Festival, il Festival
Francesca Cavallin: “La Bellezza riparta dalle scuole”
Meditazione: qualche consiglio
Lavoro: 10 consigli per centrare l’assunzione
Il crescendo della vita – Osho
Non avere paura dell’inattività – Thich Nhat Hanh
A Lezione di Sostenibilità
Naked foot on the sand
Lo Zen di Buddha (racconto zen)
A Sacile parte “Sosteniamo chi ci Cura”, per