I membri dei gruppi minoritari possono promuovere l’azione collettiva cercando le idee e le prospettive degli altri membri del gruppo

I membri dei gruppi minoritari possono stimolare l’azione collettiva cercando le idee e le prospettive degli altri membri del gruppo, secondo una nuova ricerca .

Illustra che l’azione collettiva è guidata da qualcosa di più dell’ingiustizia razziale. È anche guidato da esperienze quotidiane positive con altri membri del gruppo di minoranza.

Gli psicologi hanno condotto quattro studi per indagare gli effetti del trattamento distintivo (ricerca delle intuizioni degli individui) tra i membri di gruppi di minoranze razziali e etniche.

I risultati mostrano che gli individui minoritari avvicinati in questo modo si sentono più apprezzati dal loro gruppo minoritario e sono più disposti a impegnarsi in un’azione collettiva.

Il gruppo di ricerca, guidato dall’Università di Exeter, comprendeva le università di Leiden, Columbia, Groningen e Sheffield.

“Le proteste legate al movimento Black Lives Matter stanno mettendo in luce una miriade di forme di trattamento ingiusto che le minoranze razziali ed etniche devono affrontare e stanno spingendo i paesi a fare i conti con queste ingiustizie”, ha affermato il dottor Christopher Begeny, dell’Università di Exeter.

“Quando pensiamo a cosa motiva i membri di un gruppo minoritario a impegnarsi in un’azione collettiva, mettendo da parte il ruolo che devono svolgere anche gli alleati, tendiamo a concentrarci sulle esperienze degli individui di minoranza che sono testimoni o sono oggetto di un trattamento ingiusto.

“Questo è ovviamente un motore vitale dell’azione collettiva e la nostra ricerca lo conferma. Ma i nostri risultati indicano un altro fattore chiave: il trattamento positivo che le persone di minoranza sperimentano tra i membri del gruppo.

“I nostri risultati suggeriscono che la qualità del trattamento all’interno dei gruppi può essere una forza potente e motivante. Questo trattamento positivo all’interno del gruppo funge da risorsa vitale per ispirare e sostenere lo slancio verso la promozione della giustizia razziale”.

Gli studi dimostrano che anche una singola espressione di trattamento distintivo può avere effetti positivi.

Ci sono modi semplici e quotidiani per esprimere un trattamento distintivo, ha affermato il dottor Begeny.

“Può essere espresso di persona o online, tra amici, vicini, conoscenti o anche tra membri di minoranze che non hanno avuto contatti precedenti.

“Ciò include, ad esempio, cogliere l’occasione per cercare le idee di un individuo durante una conversazione o contattare un altro membro per ascoltare le loro esperienze o intuizioni su alcune questioni rilevanti per il gruppo.

“Può anche essere semplice come reagire alle prospettive di un altro membro condivise online con “Mi piace” o retweet.

“In ogni caso, a un individuo viene mostrato che altri membri della comunità razziale ed etnica apprezzano le qualità e i contributi che quell’individuo porta al gruppo”.

Il dottor Begeny ha affermato che movimenti come Black Lives Matter possono alla fine sostenere lo slancio a lungo termine per l’azione collettiva in parte attraverso relazioni positive all’interno del gruppo, specialmente nei momenti in cui la copertura mediatica e l’attenzione pubblica sono focalizzate su altre questioni.

L’azione collettiva può significare una serie di attività tra cui proteste, donazioni, disponibilità a “richiamare” i casi quotidiani di pregiudizio o discriminazione, nonché evidenziare i contributi sociali positivi forniti da un gruppo minoritario.

Gli studi si sono concentrati su individui neri e latini con sede negli Stati Uniti e nel Regno Unito [Latinx è un termine neutrale rispetto al genere usato per descrivere persone che sono o si riferiscono all’origine o alla discendenza dell’America Latina].

Ciò includeva uno studio longitudinale che esaminava centinaia di esperienze di individui minoritari con un trattamento distintivo nel tempo e diversi studi sperimentali online che hanno testato gli effetti del trattamento distintivo sull’azione collettiva in modo controllato ma realistico.

L’articolo, pubblicato sul Journal of Experimental Social Psychology , è intitolato: “Il potere dell’ingroup per promuovere l’azione collettiva: come un trattamento distintivo da parte di altri membri di minoranza motiva l’azione collettiva”. https://doi.org/10.1016/j.jesp.2022.104346

Vedi altre ricerche sul trattamento distintivo in PLoS ONE e Science Advances : https://doi.org/10.1371/journal.pone.0251871 , https://doi.org/10.1126/sciadv.aba7814 .