Dalla decrescita a una trasformazione sostenibile del sistema alimentare

“Solo ridurre le dimensioni del nostro attuale sistema alimentare non ridurrà di molto le emissioni. Invece, dobbiamo trasformare la natura stessa di quel sistema alimentare globale”, afferma Benjamin Bodirsky, ricercatore a Potsdam e al World Vegetable Center di Tainan, Taiwan e autore dello studio. “Ciò significa da un lato che le persone consumano ciò di cui hanno bisogno in termini di fabbisogno nutrizionale, frenano gli sprechi alimentari e seguono una dieta più equilibrata, con molte più verdure e meno prodotti animali. D’altra parte, una trasformazione qualitativa significa maggiore efficienza, quindi produrre cibo in modo meno inquinante: dosaggio più intelligente dei fertilizzanti o piantare colture ad alto rendimento. Inoltre, il prezzo del carbonio potrebbe aiutare a orientare gli agricoltori verso pratiche agricole a basse emissioni, perché emettere meno significa pagare di meno. Messo insieme, questo potrebbe ridurre drasticamente le emissioni di gas serra.

Il modo in cui produciamo cibo e gestiamo la nostra terra è responsabile fino a un terzo delle emissioni globali di gas serra lungo l’intera catena di approvvigionamento. “Quindi abbiamo esaminato come sarebbe questo sistema in un ipotetico mondo di decrescita: sulla base di una revisione delle proposte di decrescita, abbiamo creato una serie di scenari da inserire in una simulazione al computer di sistemi alimentari e terrestri per esplorare il loro effetto sul cibo sistema”, spiega David Chen, ricercatore presso il Potsdam Institute for Climate Impact Research e autore dello studio. “Abbiamo fatto un passo indietro rispetto agli accesi dibattiti normativi sulla decrescita. Quello che abbiamo scoperto è che l’attuale sistema alimentare è sostanzialmente insostenibile per qualsiasi società, indipendentemente dai tassi di crescita economica”.

Le simulazioni mostrano che limitarsi a frenare la crescita nei paesi ricchi non produrrebbe notevoli benefici in termini di sostenibilità nel sistema alimentare. I trasferimenti finanziari dai paesi a reddito più alto a quelli a reddito più basso nell’ambito dell’attuale paradigma di sviluppo possono persino aumentare le emissioni. Questo perché i cambiamenti della dieta ad alta intensità di carbonio verso prodotti animali e alimenti trasformati sono più pronunciati quando i paesi passano da redditi bassi a medi.

Tuttavia, quando gli scienziati hanno incluso cambiamenti di consumo e guadagni di efficienza incentivati ​​da un prezzo sul carbonio, i risultati hanno mostrato un migliore risultato nutrizionale per tutti i consumatori, minori emissioni di gas serra e, di conseguenza, anche una minore attività economica in agricoltura richiesta per la produzione alimentare. “Per il settore alimentare, possiamo dire che un certo grado di decrescita sarebbe il risultato della trasformazione sostenibile, non il punto di partenza”, afferma Hermann Lotze-Campen, coautore dell’Istituto di Potsdam. “Quindi fondamentalmente non si tratta di meno, ma di una crescita diversa”.

È importante sottolineare che una trasformazione sostenibile del sistema alimentare che tenga conto di tutti i costi per l’ambiente comporterebbe un leggero aumento dei prezzi degli alimenti, avvertito soprattutto dai poveri, mostrano gli scienziati. Qualsiasi trasformazione quindi deve essere accompagnata da un mix di politiche ben congegnato di regimi fiscali intelligenti, compensazione sociale per la tariffazione della CO2 e trasferimenti internazionali. Inoltre, rendere l’agricoltura più rispettosa del clima, ad esempio controllando i flussi di azoto nei terreni coltivati, richiede investimenti. Questi costi, tuttavia, sono probabilmente compensati dal ripristino dei servizi ecosistemici.

 
Related Posts
Come nutrire la bellezza della pelle
Istruzioni per l’uso per uomini e donne L’intervento di Marzia Pellizzato al 43° congreso SIME La bellezza può venire anche da dentro. Non in senso metaforico, ma con l’ausilio di adeguati prodotti ...
READ MORE
Per un’economia senza intoppi, lo stato di diritto è importante
I paesi in cui i tribunali applicano più facilmente i contratti vedono una minore volatilità economica in generale rispetto alle nazioni che non aderiscono allo stato di diritto. Questo è il ...
READ MORE
Salute e benessere della donna dai 50 anni
7 alleati indispensabili per prepararsi all'estateEstate è sinonimo di vacanze e relax ma anche di caldo e afa che spesso aumentano il senso di affaticamento e debolezza, provocando capogiri e ...
READ MORE
Bulgari Hotels & Resorts apre un nuovo resort di lusso alle Maldive
Bulgari Hotels & Resorts è orgogliosa di annunciare la firma di un accordo per un nuovo resort di lusso alle Maldive. Il nuovo Bulgari Resort, la cui apertura è prevista per il ...
READ MORE
Io sono felice con Felicia a tavola e tu?
Felicia, la pasta innovativa made in Puglia, arricchisce la linea con gli Spaghetti all'alga Spirulina Felicia, la pasta biologica alternativa per rendere più gustoso il mangiare sano e naturale. La nuova ...
READ MORE
‘Hunter eyes’: al Congresso SIME svelato il segreto della seduzione
L’intervento di Carlo Graziani al 43° Congresso SIME La comunicazione avviene attraverso lo sguardo. Proprio per questo spopolano le richieste per avere gli “Hunter eyes”, meglio intesi come “occhi da cacciatore” ...
READ MORE
Organico e umido
Cucinare con gli scarti in cucina CUCINARE CON GLI SCARTI IN CUCINA a cura di Emanuele Perati CUCINARE CON GLI SCARTI IN CUCINA non è solo un ottimo modo per ridurre gli ...
READ MORE
Dalla Manduria alla Manciuria: il gusto apulolucano senza limiti e confini
Nasce ad Altamura Deofoodis: la cultura italiana del “mangiare sano” e le specialità enogastronomiche dello slow food e street food a domicilio Deofoodis, la cultura italiana del “mangiare sano” raggiunge tutta ...
READ MORE
Lo sapevi che: chiedere idee stimola l’azione collettiva
I membri dei gruppi minoritari possono promuovere l'azione collettiva cercando le idee e le prospettive degli altri membri del gruppo I membri dei gruppi minoritari possono stimolare l'azione collettiva cercando le ...
READ MORE
Collettivo Vestiaire
LuisaViaRoma lancia una piattaforma di rivendita in collaborazione con l'e-tailer di lusso di seconda mano Vestiaire Collective . L'azienda di moda italiana consentirà ai clienti di vendere gli abiti pre-amati di oltre 40 dei ...
READ MORE
Come nutrire la bellezza della pelle
Per un’economia senza intoppi, lo stato di diritto
Salute e benessere della donna dai 50 anni
Bulgari Hotels & Resorts apre un nuovo resort
Io sono felice con Felicia a tavola e
‘Hunter eyes’: al Congresso SIME svelato il segreto
Organico e umido
Dalla Manduria alla Manciuria: il gusto apulolucano senza
Lo sapevi che: chiedere idee stimola l’azione collettiva
LuisaViaRoma entra nel mercato della rivendita in partnership