Lo spazio Maria Calderara di Milano presenta la mostra personale di Gianni Pettena, artista, architetto e teorico del movimento architettura radicale. L’esposizione è realizzata in collaborazione con la Galleria Giovanni Bonelli.

Lo spazio Maria Calderara di Milano (Via Lazzeretto, 15) presenta, dal 31 maggio al 30 giugno 2022, la mostra personale “…Per Immagini e per Parole…” di Gianni Pettena, artista, architetto e teorico del movimento architettura radicale. L’esposizione, realizzata in collaborazione con la Galleria Giovanni Bonelli, sarà inaugurata martedì 31 maggio alle ore 19.00.
Fin dai primi anni ’70 la produzione di Gianni Pettena si è distinta per il ricorso alle parole come oggetti reificati e per un atteggiamento performativo e più incline alla documentazione fotografica di avvenimenti, performance e veri e propri happening, a discapito della realizzazione di opere canonicamente intese. Così le parole, nel linguaggio visivo di Pettena, si traducono in grandi, enormi lettere di cartone (leggero perché originariamente ogni lettera doveva essere trasportata a spalla) che campeggiano nello spazio e ne modificano, con la loro presenza muta eppure densa di significati, la percezione e la fruizione.
“Carabinieri”, “Grazia&Giustizia” e “Milite Ignoto” sono le tre scritte ideate per altrettante performance che Pettena ha realizzato nel 1968 a formare una ideale trilogia di interventi spaziali semiotici. Le parole, scelte in quanto espressioni ideologiche della retorica del potere, assumono in questo modo una valenza antiautoritaria – sono letteralmente trasportate dai partecipanti all’azione – e vengono fisicamente cancellate alla fine di ogni performance (gettate a mare, bruciate o lasciate alle intemperie).
Accolgono i visitatori della mostra allo spazio maria calderara anche una serie di modellini in scala di alcuni tra i più iconici lavori di Gianni Pettena, realizzati dagli anni ’70 in avanti. In questo caso Pettena ha voluto radunarli quasi a formare una foresta di basi al centro dello spazio per omaggiarne non soltanto la storia illustre – dal 1985 al 2000 era infatti occupato dalla storica Galleria d’arte Christian Stein – ma anche la sorprendente bellezza della luce che dimora in questo luogo e che ne contraddistingue l’ambiente. Come in una foresta, dove differenti piante si sviluppano tendendo i propri rami alla luce del sole, così i modellini di Pettena, appoggiati su basi anche molto alte e quindi non facilmente fruibili, diventano metafora di un coacervo di idee che tendono alla luce e che, in vario modo e con differenti modalità, hanno costituito il personale contributo dell’artista alla rivisitazione del linguaggio dell’architettura inteso sia in senso stretto, come “progetto”, sia in senso più ampio, come “opera che modifica lo spazio dell’abitare umano”.
Lo spazio maria calderara è aperto al pubblico da lunedì a venerdì con orario 9.00-13.00 e 14.00-16.00, sabato su appuntamento. Per informazioni: info@mariacalderara.it, http://www.mariacalderara.it.

Gianni Pettena (Bolzano, 1940. Vive e lavora a Firenze) è tra i fondatori, alla fine degli anni ’60 a Firenze, del movimento “architettura radicale” insieme a Superstudio, Archizoom, UFO. Nel 1972 realizza la sua prima mostra personale alla John Weber Gallery a New York. Negli anni successivi si dedica sia all’attività di artista che a quella accademica, spesso indagando le connessioni tra le proposte delle generazioni più giovani e il retaggio della sperimentazione iniziata negli anni ‘60. Le opere di Gianni Pettena, in particolare i lavori del cosiddetto periodo ‘americano’ (1972) e i molti disegni la cui visionarietà si è poi spesso tradotta in profetica realtà, assumono un valore tanto per la loro specificità e unicità all’interno della sperimentazione radicale degli anni Sessanta e Settanta quanto per i loro influssi sul mondo dell’architettura, del design e dell’arte contemporanea successivi. Il suo lavoro è stato presentato in musei e istituzioni come: il Centre Pompidou di Parigi (1978), la Biennale di Venezia (1996), il Mori Museum di Tokyo (2004), il Barbican Center di Londra (2006), il PAC di Milano (2010), e il Museion di Bolzano (2008 e 2014); la Fondation Hermès di Bruxelles (2021).

Related Posts
Oura lancia Gucci Smart Ring
L'azienda di tecnologia sanitaria, nota soprattutto per il suo anello intelligente che tiene traccia di tutto, dalla forma fisica generale ai modelli di sonno, ha sfruttato Gucci , di proprietà di Kering , per ...
READ MORE
Moda ecologica: al via la nuova collezione premaman eco-responsabile “Envie de Fraise”
Moda ecologica: al via la nuova collezione premaman eco-responsabile "Envie de Fraise"Milano, 27 febbraio 2021 – Un gioco di tessuti, stampe magiche, dettagli irresistibili e tagli perfetti, per 9 mesi e più, ...
READ MORE
Napoli: per la Dott.ssa Emilia Gallo, una vita dedicata alla cultura ed al sociale della città
Napoli, 25 giugno 2022 - L’associazione artistico culturale “Noi per Napoli” rende omaggio alla figura della sua fondatrice e Presidente, la Dott.ssa Emilia Gallo. Nata e formatasi a Napoli, di studi giuridico economici, diede ...
READ MORE
Smart Future Academy, Speciale Piemonte: confronto tra studenti e imprenditori
Torino, 19 maggio 2022 - Gli ITS stanno diventando delle realtà professionalizzanti sempre più importanti per il mondo del lavoro. Per questo l’evento Smart Future Academy Speciale ITS Piemonte 2022 di venerdì 27 maggio  sarà una ...
READ MORE
Moda: la storia di Sharon Lafont, da piccola imprenditrice a creatrice di una collezione moda
La piccola imprenditrice di Trieste ha attirato l’attenzione di diversi personaggi dello spettacolo, tra cui Eros Ramazzotti Trieste, 23 aprile 2021 – Il 2020 è stato un anno molto difficile, le limitazioni ...
READ MORE
Montblanc Haus ad Amburgo
Montblanc apre la Montblanc Haus ad Amburgo, una destinazione unica che unisce elementi di un museo, una galleria d'arte, una hall of fame e una scuola. Situata accanto alla sede di Montblanc e agli ...
READ MORE
Scoprire i mestieri dell’arte in un ciclo continuo di webinar
Questa iniziativa nasce per far conoscere le tante possibilità lavorative in ambito artistico. Ci rivolgiamo a chi vuole intraprendere un percorso di studi, a chi vuole ricollocarsi riscoprendo le sue passioni, ...
READ MORE
Airport terminal.
Ai cittadini sauditi sarà impedito di viaggiare in 16 paesi, tra cui India, Turchia e Libano. Con l'apparente scusa dell'aumento dei casi di COVID-19 e Monkeypox , l'Arabia Saudita ha vietato ai cittadini di viaggiare ...
READ MORE
Stay Woke mi ha ricordato l’importanza di raccontare storie di ingiustizia da parte di coloro che ne sono più colpiti
Phoebe Powell/Darlinghurst Theatre Company Recensione: Stay Woke, di Aran Thangaratnam, diretto da Bridget Balodis. L'odore persistente dell'incenso e lo scricchiolio frettoloso di murukku e thattu vadai salutano il pubblico mentre ci si accomoda ai loro posti ...
READ MORE
THE ROOOM presenta “Dialoghi in cerchio”, finissage della mostra “Il cerchio spezzato” a cura di Eleonora Frattarolo | 12 aprile 2022, Bologna
Il 12 aprile 2022 presso The Rooom, nell’affascinante cornice storica di Palazzo Aldrovandi Montanari (Via Galliera n. 8), avrà luogo il finissage della mostra Il cerchio spezzato a cura di Eleonora Frattarolo. A chiusura dell’esposizione che ha visto in mostra le opere ...
READ MORE
Oura lancia Gucci Smart Ring
Moda ecologica: al via la nuova collezione premaman
Napoli: per la Dott.ssa Emilia Gallo, una vita
Smart Future Academy, Speciale Piemonte: confronto tra studenti
Moda: la storia di Sharon Lafont, da piccola
Monblanc Haus apre ad Amburgo con museo, galleria
Scoprire i mestieri dell’arte in un ciclo continuo
L’Arabia Saudita vieta ai suoi cittadini di viaggiare
Stay Woke mi ha ricordato l’importanza di raccontare
THE ROOOM presenta “Dialoghi in cerchio”, finissage della