Dal 6 luglio al 1 novembre 2022 – A cura di Stefania Petrillo – Palazzo Baldeschi MUSA, Museo dell’Accademia di Belle Arti, Perugia

In occasione del bicentenario di Antonio Canova, Perugia rende omaggio al maestro con un’esposizione-itinerario che si snoda tra Palazzo Baldeschi e il MUSA, Museo dell’Accademia di Belle Arti.

Dal 6 luglio prende vita la mostra dedicata al grande scultore organizzata dall’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” e dalla Fondazione Perugia.

Perugia, Fondazione Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”

L’Umbria celebra Canova. Il prossimo 6 luglio, a Perugia, il MUSA, museo dell’Accademia di Belle Arti e Palazzo Baldeschi al Corso apriranno le porte a un’ampia rassegna dedicata al grande scultore nel bicentenario della morte: “Al tempo di Canova. Un itinerario umbro”.

Due sedi espositive nel centro storico cittadino per un progetto di ampio respiro promosso dall’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” e dalla Fondazione Perugia, già impegnate in passato in iniziative condivise, e curato da Stefania Petrillo, docente dell’Università di Perugia. Per l’Accademia di Belle Arti la parte organizzativa è stata coordinata da Giovanni Manuali, per la Fondazione Perugia da Maria Cristina De Angelis.

Incentrata sul nucleo dei gessi canoviani conservati al MUSA, museo dell’Accademia di Perugia – tra i quali Le tre Grazie, donate dallo stesso scultore nel 1822 – l’esposizione valorizza il contesto artistico e culturale entro cui queste opere si inserirono, raccontando un’Umbria inscritta in più ampie dinamiche e in una vivace rete di relazioni.

«Formano catena e collezione», spiegava Canova a Napoleone nel 1810 per dissuaderlo dal sottrarre altri capolavori all’Italia, sottolineando l’importanza del legame che si stabilisce tra le opere e i luoghi “originari”. Questa l’idea-guida della esposizione perugina che punta a evidenziare ciò che orbita tra Sette e Ottocento intorno ai “Canova umbri”: un tessuto connettivo vitalizzato da un incessante scambio con l’“Università delle arti” che è Roma e da una circolazione delle idee e del gusto che inserisce la regione in una più vasta comunità delle arti, delle lettere, del pensiero.

Tante le novità presenti in questa rassegna concepita come un viaggio nel tempo, con oltre cento opere che racconteranno “le arti sorelle” fiorite in un’epoca che pur tra i grandi sconvolgimenti della Storia, o forse proprio per questo, coltivò il Bello: scultura, architettura, pittura, anche nell’Umbria pontificia e napoleonica furono partecipi di quella «felice rivoluzione delle arti» che ebbe in Canova il protagonista assoluto.

Tra gli artisti presentati in mostra, insieme a Canova, Giuseppe Valadier, Vincenzo Pacetti, Carlo Labruzzi, Pietro Labruzzi, Cristoforo Unterperger, Abraham-Louis-Rodolphe Ducros, Stefano Tofanelli, Tommaso Maria Conca, Pietro Benvenuti, Vincenzo Camuccini, Jean-Baptiste Wicar, Tommaso Minardi, Giovanni Sanguinetti.

Gloria e mito di un’epoca che al culto dell’Antico unì la passione per le sue sublimi invenzioni, Canova, il “classico moderno”, fu acclamato da pontefici, sovrani, accademie e collezionisti di tutta Europa. Nel portentoso raggio della sua attività e della sua influenza, lo scultore, che in Umbria fu proprietario di un palazzo a San Gemini con vasti possedimenti, stabilì non effimere relazioni anche con molti esponenti del ceto dirigente locale, intellettuali, alti prelati, collezionisti, in una comune visione dell’arte come fattore di educazione ai valori estetici e civili più alti.

L’itinerario dell’esposizione – reale e ideale – avrà così piccole e grandi “stazioni di posta” intorno ad opere e protagonisti di una stagione culminata nel legame particolarmente influente che Canova ebbe tra il 1812 e il 1822 con l’Accademia di Belle Arti di Perugia, di cui orientò le scelte, appoggiando la nomina di direttori quali Carlo Labruzzi, Tommaso Minardi, Giovanni Sanguinetti.

Sette sono le sezioni tematiche: L’Umbria pontificia, La stagione napoleonica, Il paesaggio, Canova e l’Accademia di Belle Arti di Perugia, «Un’altra linea di bello»: verso il Purismo, Le incisioni, L’eredità di Canova.

La vera sorpresa della mostra arriva però da una delle opere lasciate in eredità all’Accademia dal fratellastro di Canova, Giovanni Battista Sartori, la colossale testa del cavallo, modello del monumento equestre a Ferdinando I di Borbone, una delle ultime opere del grande scultore, “riscoperta” in questa occasione: verrà esposta a palazzo Baldeschi in un inedito confronto con la testa del cavallo del Marco Aurelio, il calco fatto eseguire e preso a modello da Canova (oggi a Ravenna).

Per accedere alle due sedi espositive sono previsti due biglietti di ingresso distinti. Palazzo Baldeschi e il MUSA applicano una riduzione reciproca sui biglietti: il visitatore che si presenterà in una delle sedi della mostra con il biglietto dell’altra avrà diritto all’ingresso ridotto.

La mostra è corredata da un corposo catalogo edito da Aba Press, stampato da Fabbri Editore.

Nella foto: Antonio Canova, La Danza dei figli di Alcinoo, 1790-1792
Perugia, Fondazione Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”
 
Related Posts
Pier Paolo Pasolini. Sotto gli occhi del mondo
Villa Manin di Passariano - Centro Studi Pier Paolo Pasolini, dal 24 settembre 2022 all'8 gennaio 2023 Una mostra organizzata e promossa da: Servizio catalogazione, promozione, valorizzazione e sviluppo del territorio ...
READ MORE
L’origine del Male, uscito il primo libro fantasy della serie di Gilbert V.Martin
Uscito il primo libro della serie fantasy di Gilbert V.Martin Un mezzo mago cacciato dalla scuola di magia, una ladra fuggita dalla sua città, un mezzelfo bandito dai suoi, un soldato ...
READ MORE
Più Mex che Tex ma va ben lì stes
Para la comida ora ci pensa Riso Gallo ampliando la linea delle Bontà Pronte con TEX MEX: una soluzione pratica e sfiziosa per viaggiare con gusto Disponibili sugli scaffali della GDO, ...
READ MORE
7Pines Resort Sardinia è ora ufficialmente aperto
Hyatt Hotels Corporation  annuncia oggi l'apertura di 7Pines Resort Sardinia , un lussuoso resort fronte mare che si affaccia sull'arcipelago della Maddalena. Offrendo tranquillità senza precedenti e lusso rilassato su una delle coste più caratteristiche d'Europa, 7Pines Resort ...
READ MORE
1 Hotels, il marchio di hotel per lo stile di vita di lusso sostenibile , aprirà a Nashville
1 Hotels , il marchio di hotel di lusso sostenibile fondato dal visionario dell'ospitalità Barry Sternlicht , ha annunciato l'apertura di 1 Hotel Nashville , che segna l'ottava struttura nel portafoglio dell'azienda. Situato nel centro della città, ...
READ MORE
CELINE ha aperto un nuovo pop-up store a Le Bon Marché
CELINE apre un nuovo pop-up store presso Le Bon Marché a ParigiCELINE  ha aperto un nuovo pop-up store presso il grande magazzino  Le Bon Marché  a Parigi. Occupando non meno di 70 mq. (753 piedi ...
READ MORE
Four Seasons and Oman Tourism Development Company (OMRAN Group) Announce Plans for Luxury Seaside Resort and Private Residences in Muscat
Four Seasons e Oman Tourism Development Company (OMRAN Group) annunciano piani per resort balneari di lusso e residenze private a Muscat Situato nella capitale dell'Oman, lungo il Mar dell'Oman , gli ospiti e i residenti ...
READ MORE
Opera di mare da vedere e coccolare
Redamare: un'opera pubblica di Sabrina D'Alessandro sul lungomare della SpeziaL’opera che Sabrina D’Alessandro ha consegnato alla città della Spezia è la parola redamare realizzata in acciaio corten e posta fra ...
READ MORE
Riuso: con All You Can Wear a Milano riempi la borsa e dai nuova vita agli abiti
Circa l'80% degli abiti inutilizzati finisce bruciato o in montagne di rifiuti che si accumulano sulla Terra: con All You Can wear a Milano si dà loro nuova vita... Milano, 27 luglio ...
READ MORE
Uomo e fauna selvatica: arriva il Coesistenza Festival
29 luglio 2022 - Manca meno di un mese al Coesistenza Festival, evento dedicato al tema della coesistenza tra uomo e fauna selvatica. Il Coesistenza festival si terrà il 2, 3 e 4 ...
READ MORE
Pier Paolo Pasolini. Sotto gli occhi del mondo
L’origine del Male, uscito il primo libro fantasy
Più Mex che Tex ma va ben lì
7Pines Resort Sardinia è ora ufficialmente aperto
1 Hotels, il marchio di hotel per lo
A buon mercato
Oman on my mind!
Opera di mare da vedere e coccolare
Riuso: con All You Can Wear a Milano
Uomo e fauna selvatica: arriva il Coesistenza Festival