Patriottismo giovanile: il senso della propria storia della Russia rimane poco chiaro. REUTERS/Evgenia Novozhenina

Le giustificazioni di Vladimir Putin per l’invasione dell’Ucraina da parte del suo paese – vale a dire la legittima ansia per l’erosione della sicurezza geopolitica della Russia innescata dall’espansione della Nato nell’Europa orientale – sembrano sempre più ribelli mentre la guerra entra nel suo sesto mese.

Quindi vale la pena esaminare altri fattori che potrebbero motivare il presidente russo ei suoi consiglieri. Uno di questi è stato ben riassunto dallo storico Serhii Plokhy nel suo studio del 2018, Lost Kingdom, A History of Russian Nationalism from Ivan the Great to Vladimir Putin:

La Russia di oggi ha enormi difficoltà a conciliare le mappe mentali dell’etnia, della cultura e dell’identità russe con la mappa politica della Federazione Russa.

Il senso di coscienza collettiva della maggior parte dei paesi dipende da un certo grado di mitologia indiscussa che viene ampiamente accettata dalla popolazione come parte della storia nazionale. Ma la Russia, nelle sue istituzioni e nelle sue memorie collettive, sta cercando quel senso di certezza nel suo passato, avendo perso l’ultima grande idea unificatrice del comunismo sovietico.

Le conseguenze di questa perdita rappresentano una sfida diretta, alimentando le insicurezze esistenziali della Russia che non è stata in grado di riconciliare dal tardo periodo sovietico e soprattutto dal periodo post-sovietico: una storia sulla vittimizzazione russa e la perdita del patrimonio nazionale.

Questo è il motivo per cui la visione di Putin del passato della Russia si aggrappa all’idea di un’entità politica del IX secolo nota come Kyivan Rus’ , usata dal presidente e dai suoi alleati ideologici come punto di ancoraggio per la nazionalità russa.

Senza di essa, la Russia diventa uno stato relativamente giovane, risalendo solo a Ivan III , che salì al trono negli anni Sessanta del Quattrocento come primo monarca ad assumere il titolo di zar (o imperatore, anche se questo non fu mai ufficialmente riconosciuto). Fu anche il primo a sfidare con successo l’impero nomade mongolo, sotto il cui dominio si era trovato il Granducato di Moscovia nei due secoli precedenti.

In quanto tale, la storia della Russia – per contrastare le sue origini politiche come stato vassallo dell’Orda d’Oro – deve essere raccontata attraverso un incontro con un’altra entità, Kiev. Ma come sappiamo, Kiev è la capitale di un altro stato, l’Ucraina, che ha una sua storia, un trauma collettivo e una coscienza nazionale.

L’effetto netto di ciò è l’incoerenza storica, in cui più linee temporali e passati competono per la legittimità, qualcosa che il Cremlino è diventato abile a sfruttare. Pertanto, molte delle memorie storiche più importanti, come quella che in Russia è conosciuta come la “grande guerra patriottica” (la seconda guerra mondiale), vengono attualmente presentate come alcune delle giustificazioni più stravaganti per l’invasione dell’Ucraina. Ancora una volta, recita la linea ufficiale del Cremlino, la Russia sta combattendo una nuova ondata di fascismo.

Durante il periodo di transizione degli anni post-sovietici negli anni ’90, c’era ancora speranza che la Russia sarebbe diventata più strettamente sincronizzata con le moderne società liberali occidentali attraverso il libero mercato e gli investimenti. Questo è stato l’approccio soft power di ” Wandel durch Handel ” (cambiamento attraverso il commercio) sostenuto per due decenni dall’allora cancelliera tedesca, Angela Merkel. Ma quel cambiamento, o convergenza, non è mai arrivato.

Quanto divergenti siano tornate le visioni del mondo tra est e ovest è stato chiaramente visibile nelle celebrazioni del Giorno della Vittoria in Russia a maggio. Quest’anno, i bambini di cinque anni erano vestiti da carri armati con l’ormai famigerato simbolo Z pro-guerra dipinto sul davanti. Erano seguiti dai loro insegnanti che indossavano uniformi dell’era della seconda guerra mondiale.

Foto da Twitter che mostra un bambino russo vestito da carro armato per il Giorno della Vittoria nel maggio 2022.
Il Giorno della Vittoria a Mosca, i bambini sono stati travestiti da carri armati per mostrare sostegno all’invasione dell’Ucraina. Twitter

La Russia, come scrive Kevin Platt, uno specialista in Russia e nell’Europa orientale, nel libro del 2020, Power and Time , ha una straordinaria “capacità di raggiungere i confini passati del presente per rivendicare qualsiasi elemento della documentazione storica”. È così che la nostalgia post-sovietica è ora confusa con la riabilitazione dell’era staliniana e la sua sconfitta apparentemente da sola del nazismo. Ciò è sostenuto dalla sacra missione della Russia come erede di Kyivan Rus’, e attraverso di essa l’intera civiltà cristiana ortodossa e bizantina.

La “forma falsa” della storia

A due anni dall’inizio della prima presidenza di Putin, il regista russo Aleksander Sokurov aveva presentato al mondo la versione cinematografica del senso della storia della Russia nell’Arca russa . Il film è una ripresa continua di 90 minuti senza tagli o modifiche, registrata in un solo giorno nella famosa galleria d’arte dell’Hermitage.

La chiave per comprendere la Russia è questo senso di continuità curata che persiste unendo insieme vari elementi stranieri, come una mostra d’arte che continua a viaggiare nel tempo. “Il nostro passato non è ancora passato”, ha riflettuto Sokurov in un’intervista sul progetto. “Il problema principale di questo Paese è che non sappiamo quando diventerà passato”.

Trailer di Russian Ark (2002)

La Russia sta cercando di forgiarsi un nuovo passato sul campo di battaglia in Ucraina. Questo è qualcosa di simile al processo di ciò che in mineralogia è noto come pseudomorfosi – una forma falsa – come già osservato negli anni ’20 in connessione con la Russia dal filosofo tedesco Oswald Spengler . La pseudomorfosi è dove nuovi contenuti riempiono le vecchie cornici, formando entità “la cui struttura interna contraddice la loro forma esterna”, come scrive Spengler nel Declino dell’Occidente :

Chiamo pseudomorfosi storica quei casi in cui una cultura aliena più antica giace così massicciamente sulla terra che una cultura giovane, nata in questa terra, non riesce a riprendere fiato e non riesce non solo a raggiungere forme espressive pure e specifiche, ma anche a sviluppare pienamente le sue propria autocoscienza.

Sarebbe difficile trovare una descrizione migliore dell’attuale situazione in Ucraina, dove la Russia sta cercando di imporre la sua lettura del passato al presente di un altro paese. 

Related Posts
Esports: come l’industria dell’ospitalità in difficoltà potrebbe trarre vantaggio da questo enorme business
Il campionato mondiale di League of Legends allo Staples Center di Los Angeles nel 2016. Patrick Knight/Wikipedia , CC BY-SA Durante la pandemia, il mondo dello sport si è fermato. Eventi globali come le Olimpiadi, ...
READ MORE
The mentalist
Presentato il Festival della Mente XIX edizione, in programma a Sarzana dal 2 al 4 settembre 2022 La XIX edizione del Festival della Mente, il primo festival europeo dedicato alla creatività ...
READ MORE
“Che paura la guerra!”: il libro per parlarne e rassicurare i nostri bambini
QUID+, la linea editoriale educativa firmata Gribaudo, pubblica “Che paura la guerra!”, per aiutare genitori e insegnanti a parlare ai più piccoli della paura dei conflitti Una storia illustrata, in ...
READ MORE
Portrait of a happy little boy splashed by wave on the beach.
Sicilia Outlet Village ospita il “CONSOLATO DELLA FELICITA’” di Farm Cultural Park e si trasforma in una speciale galleria d’arte a cielo aperto con il progetto “Spreading Happiness” La Sicilia, anche ...
READ MORE
Milano Comics&Games al centro della cultura pop!
Il 17 e 18 settembre ritorna l’appuntamento con Milano Comics&Games, evento del circuito fieredelfumetto.it nel quartiere fieristico di Busto Arsizio. La comic convention lombarda, punto di riferimento per nerd, gamer ...
READ MORE
I costi del Covid sulla salute dei bambini
Meno opportunità terapeutiche per le famiglie, fatica economica per l’Associazione ma anche una pronta risposta organizzativa e attenzione alla sofferenza psicologica. La Nostra Famiglia pubblica sul proprio sito il Bilancio ...
READ MORE
I pediatri: “Contro l’obesità mangiare 5 volte al dì, gli spuntini sono alleati”
Martina Pirola, biologa nutrizionista e referente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS): "Sì al gelato se fatto in casa"(AGENZIA DIRE) 22 luglio 2020 - ROMA – Adulti ...
READ MORE
Mamme RUN
Aprono le iscrizioni per Mamme Run, la corsa non competitiva per famiglie che si terrà presso i giardini di Mario Pagano (Milano) l’11 settembre 2022! È un'occasione per trascorrere una giornata ...
READ MORE
Bambini e malattie neuromuscolari: al via la campagna “Si. Donare rende felici”
Fino al 5 dicembre in tutti gli store della catena ODStore sarà possibile donare 1 euro in cassa e ricevere in cambio un cioccolatino Lindt doppio cioccolato: il ricavato andrà ...
READ MORE
Travel + Leisure annuncia l’elenco dei migliori nuovi hotel 2022
NEW YORK, NY - Travel + Leisure di Dotdash Meredith nomina le 100 proprietà nuove e reinventate più indimenticabili in 35 paesi del mondo nella sua 17a edizione annuale It List dei migliori nuovi hotel, ...
READ MORE
Esports: come l’industria dell’ospitalità in difficoltà potrebbe trarre
The mentalist
“Che paura la guerra!”: il libro per parlarne
Vieni a scoprire e scolpire la felicità
Milano Comics&Games al centro della cultura pop!
I costi del Covid sulla salute dei bambini
I pediatri: “Contro l’obesità mangiare 5 volte al
Mamme RUN
Bambini e malattie neuromuscolari: al via la campagna
Travel + Leisure annuncia l’elenco dei migliori nuovi