Le implicazioni per la nutrizione, l’ambiente e il lavoro possono essere considerevoli

A livello globale, sempre più persone ricevono i pasti che consumano consegnati da servizi di terze parti, come Doordash, Grubhub o Uber-Eats, una tendenza in gran parte attribuibile a cambiamenti più ampi nei sistemi alimentari in molte regioni del mondo, innovazioni tecnologiche di comunicazione , e i recenti blocchi COVID-19.

In un forum sulla politica, Eva-Marie Meemken e colleghi affermano che le conseguenze e le implicazioni politiche di questa “rivoluzione delle consegne di cibo” rimangono poco comprese, ma meritano una maggiore attenzione nella ricerca.

Negli ultimi anni, i servizi di consegna di cibo online di terze parti sono esplosi. Di conseguenza, i ricavi globali in questo settore sono aumentati da 90 miliardi di dollari nel 2018 a 294 miliardi di dollari nel 2021 e si prevede che supereranno i 466 miliardi di dollari entro il 2026. Inoltre, gran parte di questa crescita ha avuto luogo nei paesi a basso e medio reddito e ha avuto luogo insieme a una crescita simile nei ristoranti e in altri esercizi di ristorazione in queste regioni. Meemken et al. fare riferimento a queste trasformazioni del sistema alimentare rispettivamente come “rivoluzione delle consegne” e “rivoluzione del ristorante”. Secondo gli autori, entrambi hanno implicazioni per la politica e la ricerca, in particolare per quanto riguarda la protezione dell’ambiente, le diete sane e la riduzione della povertà attraverso la creazione di posti di lavoro.

Qui, gli autori discutono i fattori trainanti di queste rivoluzioni e le loro conseguenze più ampie. Queste conseguenze includono cambiamenti globali nel potere di mercato e nella concorrenza nel settore dei servizi alimentari, cambiamenti nei mercati del lavoro locali e regionali, crescente “occidentalizzazione” delle diete e potenziali impatti ambientali dovuti agli sprechi extra di imballaggio alimentare. “Al momento della stesura di questo documento, diversi paesi hanno implementato nuove politiche relative al settore delle consegne di cibo”, scrivono gli autori.

foodora, bike, delivery