La 6^ Corsa dei Castelli di Trieste accompagna il viaggio dei piccoli pazienti dell’Ospedale Burlo Garofolo

Rinnovata la collaborazione di ASD Promorun nei confronti dell’Ospedale Burlo Garofolo. I proventi delle donazioni saranno consegnati al Pronto Soccorso Pediatrico, obiettivo accoglienza Individuati i tablet interattivi da consegnare ai bambini durante le procedure traumatiche per alleviare il dolore Il Pronto Soccorso sarà dotato di un database da consultare in caso di avvelenamento. Si corre il 16 ottobre

FotoTRIESTE – Squadra che vince non si cambia, così ASD Promorun ha rinnovato la collaborazione nata durante l’ultima edizione de “La Corsa dei Castelli” con l’Ospedale Burlo Garofolo di Trieste. Un sodalizio speciale che conferma la volontà di Promorun di essere strumento di benessere, sia attraverso la promozione dello sport che attraverso opere di solidarietà nei confronti dei piccoli pazienti. Lo scorso anno sono stati raccolti circa 8mila euro che hanno permesso di contribuire al progetto “L’angolo di Costanza – Una coccola per le mamme”, con l’obiettivo di fornire alla Terapia Intensiva Neonatale, con la collaborazione del Dr. Gabriele Cont, uno speciale dispositivo destinato a favorire le operazioni di nursery dei bambini prematuri. La sensibilità di Promorun rispetto alle esigenze dell’Ospedale Burlo Garofolo ne racconta anche la volontà di contribuire ai bisogni del territorio, da sempre oggetto di interesse all’interno di tutte le manifestazioni.

“Lo scorso anno abbiamo iniziato un percorso di collaborazione con l’Ospedale Burlo Garofolo che ci auguriamo di poter proseguire con successo. La raccolta fondi di quest’anno sarà destinata ancora ai piccoli pazienti, speriamo che il frutto del progetto che abbiamo studiato con il Dr. Alessandro Amaddeo possa alleviare, almeno in parte, le loro sofferenze ed il disagio di procedure traumatiche”, ha detto Silvia Gianardi, Presidentessa di Promorun.

IL PROGETTO – L’era del Covid ha modificato fortemente anche le strutture ospedaliere, costringendo i reparti a prevedere corridoi di ingresso ed uscita. Anche il Pronto Soccorso Pediatrico dell’Ospedale Burlo Garofolo ha subito un rimaneggiamento in conseguenza del quale sono state rimosse le aree di accoglienza destinate ai più piccoli. L’assenza di un’area giochi, ancora per ragioni legate al Covid, ha reso il percorso che devono affrontare i piccoli pazienti non a misura di bambino, rendendo l’ingresso in ospedale più traumatico. “Spesso in Pronto Soccorso i bambini sono sottoposti a prelievi o altre procedure dolorose” – ha detto il Dr. Alessandro Amaddeo, Direttore del Pronto Soccorso Pediatrico. “Diversi studi hanno messo in evidenza come un percorso di accoglienza a misura di bambino, ad esempio la presenza di disegni e giochi sulle pareti, contribuisca a limitare l’angoscia che il piccolo paziente prova in attesa della visita”, ha aggiunto.

Primo compito della raccolta fondi è quello di decorare le pareti delle aree di accoglienza del Pronto Soccorso Pediatrico lungo pannelli estraibili che, in caso di rimaneggiamento, possano essere adattati ad altri ambienti.

Ad integrazione del progetto di accoglimento dei bambini, sarà anche possibile destinare i fondi raccolti all’acquisto di speciali tablet interattivi, da utilizzarsi per alleviare il trauma psico-fisico legato all’invasività di alcune procedure. E’ stato infatti dimostrato come nei bambini sia importante limitare l’angoscia legata a manovre terapeutiche particolarmente dolorose, un obiettivo raggiungibile con il supporto di una tecnologia semplice, quella di applicazioni interattive appositamente sviluppate per l’uso con tablet.

Infine, ma non per ordine di importanza, grazie ai proventi di questo progetto sarà possibile dotare il Pronto Soccorso di uno speciale database necessario in caso di avvelenamenti, uno strumento salvavita del quale quotidianamente l’Ospedale sente il bisogno a causa dell’elevato numero di sostanze tossiche con cui possono venire a contatto i bambini anche tra le mura domestiche.

ASD Promorun aderisce al progetto attraverso la donazione di parte del ricavato delle iscrizioni alla Family Run. Gli atleti potranno donare al momento dell’iscrizione tramite il sito Enternow, attraverso bonifico bancario sull’Iban IT12B0306909606100000157822 intestato a Fondazione Burlo Garofolo indicando nella causale “Corsa dei Castelli per il Burlo Garofalo” oppure al ritiro del pettorale, dove personale dell’Ospedale Burlo sarà presente per spiegare il progetto.

LE GARE – L’appuntamento con la 6^ edizione della Corsa dei Castelli è per domenica 16 ottobre 2022 con partenza dal Castello di Miramare e arrivo fatiche nella corte del Castello di San Giusto dopo aver affrontato l’ultimo di 10 km denominato come “Il Muro” a causa della pendenza.

Accanto alla manifestazione principale anche la Non Competitiva Ten, evento parallelo ma per il quale non è necessario il tesseramento e la presentazione di un certificato medico agonistico, e la Family Run 8 km il cui scopo è quello di diffondere la cultura dello sport come abitudine fondamentale per il benessere psico-fisico.

ISCRIZIONI – Le iscrizioni sono aperte sul sito. Promo società con minimo 10 partecipanti.

Info: silviagianardi@promorun.it; info@promorun.it; andreagiurgiovich@promorun.it