Dopo 16 anni,  Stella McCartney  sta facendo un’altra corsa alla bellezza con il lancio di una linea per la cura della pelle pulita chiamata Stella, creata in stretta collaborazione con i suoi partner di minoranza  LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton . Fedele al mantra minimalista di Stella McCartney , il marchio viene lanciato con solo tre prodotti: un detergente, un siero e una crema.

La nuova linea è un progetto ambizioso che vuole spuntare quante più eco-caselle possibili, con il minor numero di prodotti e ingredienti. “Non sono quella persona che vuole acquistare un milione di prodotti per diverse aree del mio viso. Non voglio tutte quelle cose nella mia vita”, ha detto McCartney. “Voglio meno e voglio che funzioni. Voglio che sia onesto e integri il mio modo di pensare e di vivere la vita. Ovviamente volevo fare la cura della pelle più pulita che potessimo fare nel lusso , il più puro dei puri “, ha aggiunto.

Negli ultimi tre anni McCartney e un team dedicato di LVMH hanno lavorato alle formulazioni e al confezionamento, con il profumo fresco ed erbaceo dei prodotti sviluppato dal profumiere Francis Kurkdjian. Foglia di chiodi di garofano, resina di pino ed eucalipto mentolato sono le note principali.

La visione di McCartney per i prodotti era legata a un’infanzia trascorsa nella vita all’aria aperta scozzese, nella fattoria della sua famiglia sulla penisola di Kintyre, nella Scozia occidentale. LVMH ha creato una maison dedicata per ospitare la collaborazione. La maison fa parte della divisione Luxury Beauty del gruppo e mira ad affrontare le sfide insite nella creazione di una collezione ecologica e ultra pulita. “Vogliamo alzare il livello della sostenibilità nella bellezza”, ha affermato Stephane Delva, direttore di New Beauty Projects presso Profumi e cosmetici LVMH.

Tutto è cruelty free, certificato vegan e regolamentato. Gli ingredienti provengono dal nord Europa e sono costituiti da rifiuti alimentari riciclati come lo squalene, un sottoprodotto dell’industria dell’olio d’oliva; ed estratto di fiori di ciliegio, che ha lo scopo di fungere da antiossidante. La cura della pelle include anche il finocchio marino organico, che si dice sia ricco di acidi grassi insaturi e saturi, e fitosteroli per levigare le linee sottili e le rughe.

La confezione è un mix di usa e getta e di lunga durata. I prodotti sono disponibili in morbidi sacchetti riciclabili in stile pappa, realizzati con rifiuti di legno e che si adattano all’interno di bottiglie e barattoli di vetro riciclato. Quando i sacchetti sono esauriti, possono essere gettati via, mentre i barattoli (che vengono forniti con pompe ermetiche fatte di plastica riciclata) sopravvivono e non si sporcano. La crema, compreso il vasetto di vetro, costa $ 105, mentre la ricarica costa $ 85. Il detergente costa $ 60, con la ricarica al prezzo di $ 45. Il siero costa $ 140, con la ricarica che costa $ 110.

Il marchio ha bandito gli ingredienti in cui il processo di produzione o estrazione era considerato inquinante. Ha anche deciso di spedire, piuttosto che volare, i prodotti negli Stati Uniti, il che significa che l’impronta di carbonio della collezione è stata ridotta di oltre un terzo. Il marchio ha anche eliminato qualsiasi necessità di dischetti di cotone o campioni monodose.

La nuova linea sarà diretta al consumatore e verrà lanciata questo mese su stellamccartneybeauty.com McCartney sosterrà l’ONG Wetlands International, donando l’1% delle vendite nette della cura della pelle Stella. Il denaro andrà alle torbiere, il più grande deposito di carbonio sulla terra che copre circa il 23 per cento della massa di terra scozzese.

Ha detto che in LVMH c’è una vera passione per il futuro dell’industria del lusso “, aggiungendo che il suo team di bellezza presso LVMH sta spingendo limiti che non avrebbe mai pensato fossero possibili. “Sono stati così affamati di trovare nuovi modi, nuove soluzioni”, ha affermato il designer, che funge anche da consulente speciale per la sostenibilità del fondatore e capo di LVMH Bernard Arnault e dei membri del comitato esecutivo del gruppo.

Questa non è la prima corsa di McCartney alla cura della pelle, ed era ansiosa di tornare in gioco dopo che la sua prima collezione, Care, lanciata nel 2006 con YSL Beauté , è stata sospesa. All’epoca McCartney era un pioniere in quella che oggi è conosciuta come bellezza pulita e il primo marchio di moda di lusso a intraprendere la strada del biologico nella cura della pelle.

Stella McCartney lancia una linea per la cura della pelle pulita chiamata Stella