Il Gruppo Calzedonia entra nel mondo del lusso investendo nel marchio di moda Antonio Marras . Il gruppo italiano di calzetteria, intimo e costumi da bagno ha acquisito l’80% del capitale dell’azienda dello stilista, fornendo la sua esperienza di vendita al dettaglio e di produzione, oltre alla sua forza finanziaria, per sviluppare il marchio Antonio Marras. L’importo dell’investimento non è stato reso noto. Marras continuerà a disegnare il suo marchio omonimo, che comprende abbigliamento, accessori, mobili e oggetti di design ispirati alla sua arte.

“Questo accordo rappresenta l’ingresso del nostro gruppo in un mondo di alta esclusività e creatività per noi nuovo e quindi lo affronteremo con prudenza e rispetto”, ha affermato Sandro Veronesi del Gruppo Calzedonia. “Siamo però convinti che l’arte e l’intuizione di Antonio Marras, supportate dalla nostra organizzazione, porteranno ottimi risultati”.

Il mondo creativo di Marras fonde cinema e poesia, storia e arti visive, e il suo talento per la scenografia non è un segreto per chi ha assistito alle sue sfilate, dove la passerella è sempre il palcoscenico delle rappresentazioni teatrali. Racconti personali si nascondono sempre dietro le sue collezioni accuratamente dettagliate e i suoi set fantasiosi e fantasiosi. La sua prossima sfilata è prevista per il 21 settembre a Milano.

Le collezioni Marras sono tutte cucite e ricamate in Sardegna, con ricami e dettagli paragonabili all’haute couture. Infatti, Marras è stato invitato a sfilare una collezione couture a Roma nel 1996 e, a tal fine, ha smontato il guardaroba dello zio, ricreando abiti suggestivi da abiti maschili, tagliando e ricucindo ritagli di look diversi.

Su insistenza della moglie Patrizia, che è amministratore delegato dell’azienda, Marras ha lanciato per la prima volta una linea nel 1987 con l’ etichetta Piano Piano Dolce Carlotta . La sua collezione firmata è stata precedentemente prodotta da BVM SpA, per la quale ha disegnato Les Copains e Gibò, e successivamente è stata prodotta da Castor.

Il gruppo, che comprende i marchi Calzedonia, Intimissimi , Tezenis , Falconeri , Atelier Emé e Signorvino, nel 2021 ha registrato ricavi per 2,5 miliardi di euro, in crescita del 29,1 per cento rispetto a 1,94 miliardi di euro nel 2020. Rispetto al 2019, le vendite sono aumentate del 3,9 per cento. Nei 12 mesi chiusi al 31 dicembre, l’utile prima di interessi, tasse, ammortamenti è salito del 43,1 per cento, per un totale di oltre 760 milioni di euro, rispetto ai 531 milioni di euro dell’anno precedente.

Il gruppo si sta espandendo da anni oltre l’Italia e le esportazioni rappresentano ormai il 56 per cento delle vendite totali. Al 31 dicembre il gruppo contava 5.076 negozi, di cui 3.288 fuori dall’Italia. L’anno scorso ha aperto altri 176 negozi, di cui 139 all’estero.

Antonio Marras SS 22

Antonio Marras SS 22