Viaggiare con i bambini non è così semplice come alcuni possono pensare; non tutte le attività sono pensate per accogliere anche i più piccoli e i loro bisogni, lo sappiamo bene. Fortunatamente basta fare un po’ di ricerca per pianificare la giornata perfetta sia per adulti che per piccini: oggi siamo qui per provare a dimostralo.

Avere con sé dei bambini quando si esplora una nuova città è un’occasione interessante per chi vuole vedere le cose sotto nuovi punti di vista.

Vicoli e piazze sono sicuramente poco interessanti per chi guarda il mondo da così in basso, ma quello che conta è la rinnovata possibilità di approcciarsi a storie, leggende e racconti di fantasia, con tanta curiosità anche su come funziona il noioso mondo degli adulti. Prima di partire alla scoperta di Bologna vogliamo darti un consiglio per rendere questa esperienza quanto più confortevole possibile. Cerca un punto di deposito Bounce dove poter lasciare i tuoi bagagli a Bologna: migliorerai la tua giornata in maniera sensibile.

Bando alle ciance: andiamo a scoprire 6 esperienze da fare con i bambini a corredo se ci si trova a Bologna!

Museo di Zoologia di Bologna
Un’interessante prima tappa che può far contenti grandi e piccini è il museo della Zoologia di Bologna. Questo museo raccoglie reperti di numerose specie provenienti da tutto il mondo ed è uno dei luoghi più importanti d’Italia per chi è alla ricerca di una collezione importante dal punto di vista scientifico.

Al piano terra del museo si trovano le collezioni ornitologiche, i trofei africani ed i diorami ispirati a due importanti parchi italiani: il Parco Nazionale d’Abruzzo e al Parco Nazionale del Gran Paradiso. Tra i reperti è possibile trovare busti di leone, un esemplare di rinoceronte indiano (rhinoceros unicornis), un esemplare di ghepardo ed un grande esemplare di pesce luna (trovato durante gli anni quaranta sulla riviera romagnola). L’ingresso al museo è gratuito e pertanto è un’ottima cosa da fare se non si ha un grande budget da cui attingere.

500 gradini di fatica e felicità

Ci sono molte cose per cui Bologna è famosa e due di queste sono visitabili con gioia anche dai più piccoli (a patto che siano abbastanza grandi per affrontare dei gradini).

La Torre degli Asinelli e la Garisenda sono due tra i simboli di Bologna; la prima rappresenta la scelta migliore per chi si vuole godere il panorama della città dall’alto, mettendo nel mezzo un piccolo tuffo all’interno della storia locale. La Torre degli Asinelli (Asinelli era il cognome della famiglia che la fece costruire) con i suoi 97 metri è la torre pendente più alta d’Italia ed è liberamente scalabile in cinquecento (s)comodi scalini.

Diversa e più piccola la Garisenda, anch’essa pendente ma non visitabile a causa dei continui restauri a cui è sottoposta da diverso tempo.

Un tuffo nella realtà virtuale

Bologna è una città in cui la storia si vive e si respira giorno per giorno ma si è trovato spazio per portare la tecnologia all’interno della cultura; un perfetto esempio di questo è dato dagli sforzi fatti dal Museo Realtà Virtuale di Via Zamboni 7. Grazie all’utilizzo dei visori in realtà virtuale sarà possibile entrare nella Bologna medievale del tredicesimo secolo, complice un’attenta e minuziosa ricostruzione tridimensionale dell’architettura cittadina dell’epoca.

Sarà possibile camminare per le strade, librarsi in aria per vedere tutte le torri allora presenti e anche scoprire tanti dettagli della storia grazie alla presenza di dialoghi e racconti. Quest’ultimo dettaglio rende l’esperienza adatta ai bambini di almeno otto anni.

Alla scoperta del più lungo dinosauro d’Europa

Sempre all’interno del museo della Zoologia è possibile imbattersi nella collezione di Geologia del museo Giovanni Capellini. La collezione lì presente testimonia cinquecento anni di attività didattica e di ricerca scientifica, con migliaia e migliaia di pezzi tra rocce, piante, invertebrati e vertebrati.

Tutto questo potrebbe non risultare interessante per i bambini e in un certo senso ti possiamo anche dare ragione; c’è però una sorpresa di cui tenere conto: i resti di animali antichissimi.

All’interno delle sale in cui è esposta la collezione si possono ammirare scheletri spettacolari di dinosauri come il Mastodonte proboscidato pliocenico o il diplodocus del giurassico, lungo ben ventisei metri ed alto quattro. Quest’ultimo dinosauro è sempre una sorpresa incredibile per i più piccoli, specie se hanno conoscenze pregresse in termini di dinosauri.

Altri reperti interessanti sono i pesci dell’Eocenedel Monte Bolca raccolti all’interno di un’apposita collezione o i resti delle balene plioceniche; con l’aiuto di una guida un percorso come questo può essere la soluzione perfetta per passare qualche ora immersi nei misteri del passato.

Un giro al parco

Tornare a contatto con la natura è sempre una buona cosa, specie se il meteo e le temperature lo permettono. Bologna ha diversi parchi sparsi per il territorio cittadino ma difficilmente c’è un parco migliore per passare del tempo con i bambini dei Giardini Margherita.

Questo è il parco più grande di Bologna ed è un ottimo punto tanto per gustarsi un buon gelato artigianale all’apposito chiosco, quanto per giocare un po’ con i più piccoli grazie al parco giochi presente in loco. Il parco è stato progettato con in mente gli ideali romantici di un giardino all’inglese e pertanto è dotato anche di un suggestivo laghetto; la meta ideale per chi desidera refrigerio e bel verde in cui immergersi.

Una sosta in pasticceria

Un’altra attività interessante da fare con i bambini (ma con un occhio di riguardo anche alla pancia dei più grandi) è una bella sosta alla pasticceria Zoo, non lontano dalla Torre degli Asinelli lungo la strada Maggiore.

Zoo è un raro esempio di pasticceria baby friendly, dove oltre allo spazio per carrozzine e passeggini c’è anche tutto il necessario per allietare le papille gustative dei più piccini senza per forza attentare alla salute. La pasticceria offre un menu bimbi molto interessante, tra muffin e bagel da provare. Qui è anche presenta una ricca selezione di libri illustrati per tutti i gusti, bambini compresi. A volte non c’è niente di meglio che allietare un buon pasto con una bella storia o con qualche bella illustrazione.