Un’istituzione britannica del lusso in attività da oltre due secoli, la casa di Asprey è stata un leggendario rivenditore dei migliori beni di lusso nelle categorie più diverse da gioielli, pelletteria, fragranze, collezioni per la casa, orologi ecc. Sugli orologi vintage il il marchio di Asprey non ha perso la sua influenza: un Patek Philippe degli anni ’50 ref. 2499 con il logo Asprey sul quadrante venduto per una cifra record nel 2018.

Andersen Genève sta ora cercando di recuperare un po’ di quella magia con un orologio da polso con doppia corona realizzato appositamente per la casa londinese: l’  Heures du Monde “Asprey”  con un quadrante guilloché blu-oro recante la firma Asprey alle sei. Il motivo a motore sul quadrante si ispira alle bottiglie di profumo un tempo vendute da Asprey

Andersen Genève nuova 'Heures du Monde' per la casa di Asprey

Andersen Genève nuova ‘Heures du Monde’ per la casa di Asprey

L’ora mondiale di Asprey ha un aspetto di Andersen, uno stile classico della vecchia scuola che ricorda gli anni ’80 e ’90. Essendo un’edizione speciale, l’ora mondiale di Asprey deve distinguersi. Lo fa solo modestamente, in primo luogo con le anse svasate che in precedenza erano utilizzate solo per altri modelli Andersen, e in secondo luogo con il  quadrante guilloché fatto a mano  con un motivo a losanghe unico nel caratteristico “oro blu” di Andersen.

L’elemento più importante è la firma a ore sei, che riecheggia orologi vintage firmati da rivenditori come Patek Philippe e Vacheron Constantin. Con gli orologi a doppia firma che si sono per lo più estinti a causa della forza dei marchi di orologi, la firma Asprey è sicuramente una rarità nell’orologeria contemporanea e aggiunge un po’ di sapore vintage all’orologio.

Andersen Genève nuova 'Heures du Monde' per la casa di Asprey

Andersen Genève nuova ‘Heures du Monde’ per la casa di Asprey

Svend Andersen, l’omonimo fondatore della Andersen Genève, produce orologi personalizzati da oltre quattro decenni. Mentre il signor Andersen ha venduto il marchio diversi anni fa al suo attuale proprietario, il suo marchio omonimo rimane ancora un’operazione su piccola scala dedicata agli orologi personalizzati in gran parte realizzati con tecniche tradizionali.

Questo approccio è facilmente evidente negli orologi del marchio. Sebbene il caso del mondo Asprey sia relativamente semplice, è prodotto in modo artigianale. Le alette trapezoidali sono saldate individualmente al centro della cassa, un processo manuale tipico della tradizionale fabbricazione di scatole e più noioso degli efficienti processi di fresatura oggi prevalenti.

Andersen Genève nuova 'Heures du Monde' per la casa di Asprey

Andersen Genève nuova ‘Heures du Monde’ per la casa di Asprey

Un altro punto forte della cassa sono le corone, una nella posizione convenzionale delle tre e l’altra elegantemente nascosta in una rientranza. Entrambe le corone, tuttavia, sono rifinite allo stesso modo: prima incisa a rilievo con una “A”, poi lucidata e martellata a mano per creare una superficie increspata che ricorda da lontano una finitura smerigliata. La corona a ore nove è incassata all’interno della cassa e serve per impostare l’ora mondiale

All’interno dell’Asprey world time c’è il movimento base di riferimento del marchio, l’annata A. Schild (AS) 1876. È un calibro a carica manuale degli anni ’60 che è stato accuratamente rifinito e dotato del modulo dell’ora mondiale di Andersen. Il clou è il  rotore guilloché  in oro blu che è stato tornito a mano per creare lo stesso motivo a losanghe che si trova sul quadrante.

Un altro fiore all’occhiello è l’anello di giada nera montato sopra il distanziatore del movimento. Con i due marchi in stampa dorata, l’anello in giada nera crea un contrasto sorprendente tra la cassa in oro rosa e il movimento rodiato, fungendo sia da cornice per il movimento che da bordo della cassa.

Andersen Genève nuova ‘Heures du Monde’ per la casa di Asprey