Bulgari raddoppia la capacità produttiva di gioielli nello stabilimento italiano

Cinque anni dopo l’inaugurazione di uno stabilimento di gioielleria all’avanguardia (il più grande d’Europa), Bulgari sta raddoppiando la capacità produttiva del sito, che ha sede nella città di Valenza, in Italia. Con una nuova superficie di quasi 189.000 piedi quadrati, i lavori di ampliamento inizieranno questo mese e il progetto dovrebbe essere completato entro la fine del 2025. Entro il 2028 dovrebbero essere assunti circa 650 nuovi dipendenti.

“Non avrei mai pensato che avremmo dovuto espandere lo stabilimento così presto; l’idea era che sarebbe stato adeguato continuare per 10 o 12 anni. Ma la domanda è aumentata più del previsto e dobbiamo assolutamente aumentare le nostre capacità interne”, ha affermato l’amministratore delegato Jean-Christophe Babin.

Allo stesso tempo, Babin ha sottolineato la necessità di Bulgari di formare nuovi orafi e integrare i talenti artigianali. Il dirigente non ha rivelato l’importo dell’investimento, ma ha affermato che si trattava di “l’investimento più alto” per l’azienda e “quasi il doppio” dei fondi originali convogliati nello stabilimento, chiamato Manifattura.

“Tutti i gioielli Bulgari sono realizzati esclusivamente in Italia perché crediamo nell’artigianato autentico e tradizionale e nel valore aggiunto di operare dove c’è il vero know-how”, ha affermato Babin. “In un momento complesso a livello globale; vogliamo lanciare un messaggio positivo per il futuro continuando ad investire nel nostro Paese. Ciò creerà molti nuovi posti di lavoro diretti nei prossimi cinque anni, oltre a molte centinaia di posti di lavoro indiretti con i nostri fornitori”, ha proseguito.

L’azienda aprirà la Scuola Bulgari, collegando i nuovi edifici con quello esistente, che sarà anch’esso ristrutturato, ha affermato Babin. Questo centro di formazione è la prima scuola di formazione Bulgari per studenti esterni ed è stato sviluppato in collaborazione con una scuola di design. Il percorso formativo durerà circa un anno e i migliori studenti avranno la possibilità di essere assunti da Bulgari.

L’Accademia Bulgari, che aiuta a non esaurire la rete di artigiani locali nel territorio circostante, continuerà invece a formare nuove leve che avranno l’opportunità di apprendere le specifiche tecniche di lavorazione di Bulgari direttamente dai maestri artigiani della casa.

L’ampliamento sarà realizzato utilizzando tecnologie e materiali innovativi a basso impatto ambientale, con l’obiettivo di ottenere la certificazione LEED, che la costruzione esistente ha ottenuto nel 2017. Sviluppato dallo studio di architettura italiano Politecnica, il progetto è stato interamente concepito con un approccio sostenibile e seguendo i principi dell’efficienza energetica

L’ampliamento consisterà in due nuovi edifici e un ponte sospeso esterno che collegherà tra loro tutte e tre le strutture. La parte centrale, di 4.518 mq, oltre a presentare una reception ospiterà la Scuola Bulgari e un ristorante, mentre l’edificio più grande, di 13.780 mq, sarà dedicato alla produzione.

Babin ha spiegato che Bulgari sta attuando azioni concrete come la riduzione dell’impatto sull’ambiente circostante, l’incentivazione della mobilità sostenibile, la diminuzione dei consumi idrici, l’ottimizzazione delle prestazioni energetiche anche attraverso fonti di energia rinnovabili o alternative, l’utilizzo di materiali provenienti da zone limitrofe e ad alto valore di riciclo nel componenti.

La tecnologia si è evoluta dall’apertura della prima Manifattura e il progetto di ampliamento includerà nuove soluzioni. Ha citato un hub energetico che conterrà sistemi tecnologicamente avanzati per la generazione di fluidi caldi e freddi con il minimo consumo energetico, un campo geotermico installato sotto i parcheggi.

La Manifattura Bulgari ha iniziato la sua produzione a gennaio 2017 con 380 dipendenti, numero che sale a 750 attualmente. Il principale programma di recruiting, che prevede di assumere circa 650 nuovi dipendenti tra il 2024 e il 2028, prevede un piano strategico per l’employer branding e il talent scouting su scala nazionale e internazionale

Bulgari ha firmato con i comuni di Valenza e della vicina Pecetto la Convenzione Urbanistica, in cui si delinea l’impegno della casa a finanziare due importanti interventi di riqualificazione e riqualificazione ambientale di questi territori. Il progetto di ampliamento prevede anche ulteriori interventi volti a ridurne drasticamente l’impatto ambientale e preservare il territorio circostante, in particolare la biodiversità delle colline di Pecetto, proprio alle spalle del sito produttivo

Fabbrica Bulgari a Valenza, Italia

Fabbrica Bulgari a Valenza, Italia

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: