La telemedicina migliora la frequenza clinica, riduce il disagio per i giovani con diabete tipo 1

telemedicine, telehealth, technology

Photo by Edward Jenner on Pexels.com

Gli adolescenti e i giovani adulti con diabete di tipo 1 che frequentano principalmente le visite cliniche per il diabete tramite la telemedicina vedono una migliore partecipazione complessiva e meno problemi di diabete rispetto a quelli che frequentano di persona, secondo i dati dello studio.

Nei risultati pubblicati sul Journal of Diabetes Science and Technology, una coorte di adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1 in cura presso il Children’s Hospital di Los Angeles è stata assegnata in modo casuale a un intervento adattato dal Colorado Young Adults with Type 1 Diabetes (CoYoT1), un modello di assistenza o assistenza standard tramite telemedicina o visite di persona. Indipendentemente dall’intervento, i partecipanti che hanno partecipato alle visite di telemedicina non hanno avuto cambiamenti nel disagio del diabete correlato al medico dal basale alla fine dello studio, mentre coloro che hanno partecipato alle visite di persona hanno avuto un disturbo del diabete correlato al follow-up medico peggiore alla visita finale.

“Gli adolescenti e i giovani adulti con diabete di tipo 1 sono ad alto rischio di soffrire di disagio da diabete, che è associato a scarsi risultati nel controllo della patologia”, ha detto Jennifer Raymond, MD, MCR , capo della divisione di endocrinologia, diabete e metabolismo al Children’s Hospital di Los Angeles. “Stabilizzare il disagio del diabete può portare a risultati clinici migliori e a un maggiore impegno nella cura del diabete in un periodo in cui i giovani con diabete di tipo 1 in genere si staccano dal sistema sanitario”, ha concluso.

Raymond e colleghi hanno reclutato 68 adolescenti e giovani adulti di età compresa tra 16 e 25 anni con diabete di tipo 1 per almeno 6 mesi che frequentavano il Children’s Hospital di Los Angeles. I partecipanti hanno ricevuto cure da sei medici, tre che hanno utilizzato il modello di intervento di cura CoYoT1 e tre che hanno fornito cure standard. Ai partecipanti è stata data la possibilità di mantenere il follow-up medico tradizionale. Altrimenti, tutti i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale all’intervento o alle cure standard. Tutti i partecipanti sono stati inoltre assegnati in modo casuale a partecipare a tutte le loro visite di persona o tre visite tramite telemedicina con una visita di persona. Gli appuntamenti sono avvenuti ogni 3 mesi circa. Dati demografici e clinici sono stati ottenuti da cartelle cliniche elettroniche. I partecipanti hanno completato la Diabetes Distress Scale,

Della coorte, 39 hanno partecipato principalmente alle visite cliniche tramite telemedicina e 29 hanno partecipato principalmente a visite di persona. Coloro che hanno partecipato principalmente agli appuntamenti di telemedicina hanno avuto una media di 3,33 visite durante il periodo di studio rispetto alle 2,47 visite per coloro che hanno partecipato di persona ( P = 0,007).

“Gli adolescenti e i giovani adulti con diabete di tipo 1 sono tradizionalmente sfidati dall’impegno nella cura del diabete di routine”, ha detto Raymond. “La telemedicina può essere un’opzione per aumentare il completamento della visita con successo. Dal punto di vista del paziente, ciò può comportare un’assistenza più proattiva con un miglioramento degli esiti del diabete. Dal punto di vista del medico e del centro per il diabete, ciò si tradurrà in un utilizzo efficace del tempo del sanitario e migliorerà l’accesso del paziente.

Il disagio correlato al medico è rimasto invariato per gli adolescenti e i giovani adulti che hanno partecipato alle visite di telemedicina, mentre i partecipanti che hanno partecipato alle visite di persona hanno registrato un aumento del disagio correlato al medico dal basale alla visita finale (P = 0,04 ) . Non sono state osservate differenze significative tra la telemedicina e i partecipanti di persona con gli altri domini di sofferenza del diabete.

I partecipanti che sono stati assegnati in modo casuale all’intervento di assistenza CoYoT1 e hanno partecipato tramite telemedicina riportavano una riduzione significativa dell’HbA1c durante lo studio rispetto a quelli gestiti con cure standard di persona (variazione dell’HbA1c = -0,83%; P = 0,04 ) . Gli adolescenti e i giovani adulti che ricevono cure standard tramite la telemedicina o l’intervento di persona non hanno avuto una differenza significativa nella variazione di HbA1c rispetto alle terapie standard di persona.

Raymond ha affermato che gli studi futuri dovrebbero esplorare altri aspetti della telemedicina, incluso il modo in cui la forma di assistenza sposta le esperienze di disagio del diabete da parte dei pazienti, come i fornitori possono espandere le proprie capacità di telemedicina, come l’esperienza di telemedicina può essere personalizzata e come varia l’esperienza di assistenza da remoto per le persone che vivono in comunità emarginate.

L’articolo La telemedicina migliora la frequenza clinica, riduce il disagio per i giovani con diabete tipo 1 proviene da Per la cura del Diabete Tipo 1.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: